Connect with us

News

Report Benevento, la penna avversaria: Gianluca Napolitano di LabTV

Si accendono i riflettori dello stadio Arechi per la sfida tra Salernitana e Benevento, un derby che mette già in palio punti pesanti. L’entusiasmo in casa granata è palpabile, cornice di pubblico importante e obiettivo terza vittoria consecutiva nel mirino. Su sponda sannita la buona prova contro il Cittadella ha messo in mostra i muscoli della squadra di Inzaghi che risulta tra le favorite del torneo. Un match caldo quindi, che promette tanto spettacolo. Ne abbiamo parlato con il collega Gianluca Napolitano di LabTV.

 

La Salernitana viene da due vittorie nelle prime due giornate, il Benevento da una prestazione importante contro il Cittadella. Sarà un derby spettacolo all’Arechi?

Sarà sicuramente una gara aperta a qualsiasi risultato. Il Benevento, ad eccezione della gara di Pisa dove si è andati timorosi, ha la struttura per attaccare. La squadra di Inzaghi non punterà a gestire la gara perché non è nella sua indole. Dall’altra parte mi aspetto un Salernitana più accorta all’inizio, che magari proverù a sfruttare le ripartenze conderando gli uomini veloci in avanti“.

 

Una cornice di pubblico che non si vedeva da molti mesi a Salerno. Quanto potrà essere un vantaggio per i padroni di casa e viceversa per i sanniti?

Parto dal presupposto che il pubblico è importante ma non determinante. Se il Benevento non avrà la maturità per affrontare una gara del genere potrebbe pagare. Però credo che sia una squadra esperta e non dovrebbe farsi influenzare dalla presenza del pubblico Salerno. Certo è che se dovesse andare in difficoltà sarebbe ancora più difficoltoso recuperare“.

 

Ventura cambia poco rispetto agli undici scesi in campo a Cosenza. Quali sono le armi granata da temere?

Il Benevento soffre molto, in queste prime uscite, squadre che utilizzano le ripaertenze rapide essendo una squadra votata all’attacco e più forte dalla cintola in sù. Potrebbe soffrire anche la superiorità numerica a centrocampo dal momento che il centrocampo a cinque della Salernitana è folto ma anche rapido. Poi la velocità di Jallow credo sia uno dei pericoli maggiori“.

 

Quali saranno invece le scelte di Inzaghi che dovrà fare a meno di Armenteros?

Dovrebbe giocare con il 4-4-2, credo che l’unica modifica sarà l’inserimento di Hetemaj al fianco di Viola. Tello sarà schierato sull’esterno come novità, mentre Insigne sull’out destro. Coda e Sau saranno le due punte“.

 

Ventura e Inzaghi hanno un forte divario di esperienza, ma entrambi hanno allenato in massima serie. Chi ha di più da perdere in questo campionato?

Credo che Ventura a Salerno cerchi un po’ di rilancio, ha fatto la A per tanti anni ed è un allenatore esperto. Inzaghi ha invece molto da perdere in questa stagione, viene da un’annata non felice a Bologna e a Benevento qualora dovesse fallire rischierebbe molto. Inzaghi si gioca tanto, Ventura ha voglia tornare ai fasti di un tempo“.

 

Il Benevento è tra le favorite del torneo, credi che la Salernitana sia tra le sorprese?

Tra un mese la Salernitana sarà un’altra squadra e può essere inserita tra le outsider. E’ un campionato livellato in alto rispetto allo scorso anno. Non vedo l’ammazza-campionato, il dettaglio e la singola partita possono fare la differenza“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News