Connect with us

News

Rabbia Braglia: “Sconfitti per una sciocchezza. Goal Pierini regolare”. E su Di Tacchio…

Piero Braglia furioso. Il tecnico del Cosenza è inviperito al termine della gara contro la Salernitana, terminata con il successo dei campani firmato dalla rete di Firenze. Un goal che mancava da 17 anni in terra calabrese, anno dell’ultima vittoria del Cavalluccio.

Questa l’analisi del tecnico rossoblu: “Abbiamo fatto una buona partita, abbiamo perso per una sciocchezza. Non si può dare all’avversario la possibilità di fare ciò che vuole, di superare la nostra linea difensiva. Il goal di Pierini era regolare. E questo è solo uno dei tanti episodi che sono andati contro questa sera”.

Braglia prosegue: “Legittimo infortunato, Idda infortunato. Siamo ridotti all’osso. I cambi sono stati quelli consapevoli per le nostre possibilità: ragazzi provenienti dalla Serie D, ragazzi del 2000. Lasciate stare che hai fatto una sciocchezza e hai perso causando il loro unico tiro in porta. Il campo ha detto che non meritavi di perdere. Ma questo è un campionato diverso. E devi avere giocatori di valore per affrontarlo”.

Sul cambio obbligato di Legittimo: “Le partite le giudichi quando le vedi. Legittimo non si è comportato male. Ti dà tranquillità perché è un calciatore d’esperienza e di valore. I fatti dicono che è entrato un giocatore che si è fatto superare e doveva essere più cattivo nella circostanza. Le partite le vivi sull’equilibrio, tanto è vero che poi non mi riesco a spiegare come si sia perso. Tatticamente hai fatto una partita in cui hai concesso un solo tiro e ti hanno segnato”.

Braglia insiste sull’episodio che ha condannato il Cosenza alla sconfitta: “Mi riferisco chiaramente al goal della Salernitana. Hai l’avversario a mezzo centimetro, devi fare fallo. Devi fare come fanno gli altri con te. Poi se gli avversari lo facevano dopo, pazienza. Ma subirlo in quel frangente e in quel modo…”.

Sulle ultime ore di calciomercato: “Non mi aspetto niente dal mercato. Mi aspetto dei giocatori in grado di darci una mano perché ne abbiamo bisogno. Penso sia lampante. Poi ci si rende conto della situazione quando perdi le partite in questa maniera”.

Sull’espulsione Braglia taglia corto: “Il quarto uomo vede ciò che vuole”.

Chiosa su Di Tacchio, accostato ai calabresi  prima dell’acquisto di Greco: “Io non l’ho richiesto, il mercato lo fa Trinchera. Dopo Greco penso non sia un’opzione percorribile. Rimane alla Salernitana”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News