Connect with us

News

Qui Foggia, i convocati di Padalino. Il tecnico rossonero: “Fondamentale l’approccio, abbiamo tante assenze”

Un’antivigilia natalizia di esordi, Angelo Gregucci da un lato e Pasquale Padalino dall’altro. Anche se il trainer foggiano dovrà mordere (ancora) il freno perché squalificato, ha avuto modo di tornare in pista e contro la Salernitana affronterà il primo esame da neo trainer foggiano. “Questa settimana è volata – ha detto l’ex difensore di Fiorentina e Como stamani in conferenza stampa prima di partire per Salerno – I ragazzi hanno mostrato grande disponibilità nei miei confronti, sono molto soddisfatto del lavoro svolto.  Domani si affrontano due squadre che hanno delle difficoltà, per alcuni versi piuttosto simili, ad esempio come il cambio allenatore ed allenamenti brevi. Quando si subentra non può mai essere uguale, in ogni squadra ci sono situazioni diverse e in questo caso subentro in un campionato che per me è assolutamente una novità. Il mio approccio coi giocatori però non è affatto cambiato, è sempre lo stesso e li ringrazio perché sono stato messo a mio agio e perché sono consci che parliamo della Serie B”.

Sull’attesa della partita: “Numericamente abbiamo diverse assenze nel reparto difensivo ma, per fortuna, ci sono tante alternative. Gli indisponibili sono sei e partiamo in 21. Siamo assolutamente pronti per la partita e abbiamo studiato la Salernitana fino a questa mattina. Con il nuovo allenatore cambieranno qualcosa ma difficile pensare cosa cambieranno. Certamente l’aspetto fondamentale prevarrà su quello tecnico in un ambiente che si prospetta pesante ma, ripeto, siamo pronti. Sarà importante non sbagliare assolutamente l’approccio alla partita, in un contesto così complicato, confido nella collaborazione ed esperienza dei calciatori. Modulo? La mia è una squadra che può darmi alternative, senza stravolgimenti al momento. Voglio mettere i giocatori nelle condizioni di gestire la palla in maniera tranquilla, cercando di fare gol e di non prenderli, i ragazzi hanno bisogno di leggerezza e di pochi concetti, di sapere chiaramente cosa fare, di comprendere chi sono e dove. In questi pochi giorni non ho potuto modificare molto. La disposizione a zona, utilizzata anche da Zeman, è il mio pensiero, quindi ho intenzione di continuare con questa disposizione ma apportando qualche modifica. Non c’è stato, ripeto, il tempo per concentrarmi su questo aspetto ma lavoreremo, ovviamente, per prendere meno gol. Non conosco la squadra in modo approfondito ma una cosa penso di saperla: un giocatore che ha qualità non le perde con un cambio di modulo, spero passi questo messaggio. In questo momento la squadra ha bisogno di esser “leggera” e sapere cosa fare. Le certezze, mi sembra chiaro, devono passare tramite un modulo specifico ma la cosa fondamentale è che, aldilà del modulo, ci sia un’identità di gioco. Preferisco siamo sereni affinché possano esprimersi al meglio. In questo senso la vittoria con la Cremonese è stata fondamentale e deve essere l’inizio di un percorso che ci porti ad essere continui”.

Sull’apporto dei tifosi: “I tifosi, non c’è bisogno che lo dica, sono fantastici perché, al di là di quelli che sono i risultati, ci hanno sempre fatto capire quanto per loro sia importante onorare la maglia e questo è un grande insegnamento. Fuori casa dimostrano ancor di più questo amore e seguono sempre la squadra”.

Su Carraro: “Il ragazzo non è abituato alla pressione che c’è a Foggia, chi è più abituato deve aiutare lui e gli altri ragazzi più giovani; questi momenti aiutano a crescere. Lui vive questa situazione come un qualcosa di nuovo e dobbiamo tutti aiutarlo ad uscire da questo periodo duro. Se non hai la famosa “leggerezza” e se mentalmente non sei libero è difficile fare cose positive. Nello spogliatoio ho subito intuito la delusione, in quanto nessuno si aspettava di essere nella situazione attuale, c’è amarezza perché tutti si ritengono responsabili ma sono soddisfatto perché si sono messi a disposizione per trovare le soluzioni giuste per uscire da questa situazione. Cosa fa la differenza? Avere continuità ed essere liberi mentalmente. Sappiamo di dover uscire difficile situazione e lo faremo“.

Sono 21 i convocati del Foggia che presenta numerose assenze, Soprattutto in difesa: out Camporese e Martinelli, difensori centrali titolari di questo inizio di stagione. Non saranno del match anche Ramé, Rizzo, Deli e Chiaretti.

Di seguito la lista:

PORTIERI:
Bizzarri; Noppert; Sarri

DIFENSORI:
Boldor, Loiacono, Ranieri, Rubin, Tonucci, Zambelli.

CENTROCAMPISTI:
Agnelli, Arena, Busellato, Carraro, Gerbo, Kragl.

ATTACCANTI:
Cavallini, Cicerelli, Galano, Gori, Iemmello, Mazzeo

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News