Connect with us

News

Precedenti ad Ascoli: 16 complessive occasioni, la X segno più gettonato. Nel 2018 hurrà campano

Cinque sconfitte, tre vittorie e otto pareggi per la Salernitana. Questo il bilancio dei precedenti giocati dai granata sul campo dell’Ascoli tra Serie B, C e Coppa Italia.

La prima volta è datata 19 febbraio 1963, campionato di Serie C, occasione in cui i granata persero 2-0 (Cori e Piacentini i marcatori). Sconfitta anche nella stagione seguente – in realtà pochi mesi dopo, il 29 settembre – con un rotondo 3-0 rifilato dai marchigiani per mano di Cavazzoni (doppietta) e ancora Cori. La Salernitana conquistò il primo punto ad Ascoli nel torneo 64/65 (0-0), medesimo risultato dell’annata seguente, quella che condusse il cavalluccio al ritorno in cadetteria. Da allora, un digiuno di visite al Del Duca che fu interrotto solo il 6 gennaio del 1991 in Serie B con un altro pari a reti bianche. Con la retrocessione dell’ippocampo, la sfida si ripeté successivamente soltanto nel campionato cadetto 1994/95 quando, in risposta ai precedenti che avevano visto sempre all’asciutto l’attacco campano, la Salernitana centrò il suo primo successo sul campo ascolano: finì 0-2 grazie al gol di Pietro Strada e all’autorete del difensore locale, Marcato. L’anno dopo i bianconeri – nonostante fossero retrocessi – ospitarono ugualmente il cavalluccio in Coppa Italia: 0-0 ai supplementari, 3-1 per l’Ascoli ai rigori (decisivi gli errori ospiti di Breda, Facci e Grassadonia).

La Salernitana tornò ad Ascoli il 26 gennaio 2003, rimediando una sonora batosta: 3-0, marcatori marchigiani Brienza, Tangorra e Fontana su rigore. Reti inviolate l’anno seguente, mentre nel 2004/05 non bastarono le realizzazioni di Raffaele Longo e Nassim Mendil per evitare la sconfitta ai granata: i loro gol valsero il momentaneo pareggio (Bucchi e Capparella avevano portato l’Ascoli sul doppio vantaggio) ma Monticciolo, al quarto d’ora del secondo tempo, riportò i locali avanti. Fu ammonito per la seconda volta nell’esultanza ma l’arbitro (il catanzarese Squillace) non si accorse della necessità di espellerlo, facendo riprendere il gioco per circa un minuto ed avvedendosi soltanto dopo dell’errore, espellendo il centrocampista. Nacquero numerose polemiche per un errore tecnico lampante che, tuttavia, non bastò a far sì che si ripetesse la partita. Dopo il fallimento e la ripartenza col Lodo Petrucci, la Salernitana tornò al Del Duca in B nella stagione 2008/09, espugnandolo grazie alla doppietta di Massimo Ganci. Andò male, invece, nell’orribile stagione 2009/10 con il ko per 4-2: non bastarono i gol di Federico Dionisi e Giorgios Kyriazis, l’Ascoli ne fece quattro con Lupoli (doppietta), Luci e Tiboni.

Le due compagini si ritrovarono contro nel torneo di terza serie 2013/14, con Fabiani sull’altra sponda. Finì 1-1, vantaggio ospite firmato Matteo Guazzo e rete ascolana di Tripoli. Il 30 aprile 2016 il ritorno della sfida in B con un altro pareggio (2-2, doppio Cacia e poi Chris Oikonomidis con Ricardo Bagadur a riequilibrare il match). Finì 0-0 nel 2016/17 (traversa granata con Caccavallo). La serie di pareggi è stata interrotta nel marzo scorso dai granata di Colantuono, capaci di espugnare il Del Duca grazie alla doppietta di Riccardo Bocalon e a Tiago Casasola; di Carpani il gol della bandiera marchigiano (1-3). Di seguito il tabellino di quel match:

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News