Connect with us

Calciomercato

Porte scorrevoli con la Lazio: Jallow come Casasola, operazione vicina

Lamin Jallow alla Lazio già da gennaio, ma in prestito alla Salernitana fino a giugno. Un’idea che sembra prendere sempre più piede nelle ultime ore, nonostante dall’Egitto sarebbe giunta un’offerta piuttosto importante alla società granata: 5 milioni dall’Al Ahly per il cartellino del giocatore (clicca qui per leggere l’articolo). Un’opportunità che sulla carta sarebbe da prendere al volo per realizzare una plusvalenza di rilievo, ma che pure la Salernitana pare orientata a non cogliere. Il problema di trovare un sostituto sembra relativo, avendo a disposizione un corrispettivo così cospicuo. Mai la Salernitana della proprietà romana ha ceduto un calciatore a cifre così alte.

L’operazione è più complessa e coinvolge la Lazio. Claudio Lotito, infatti, sembra intenzionato a portarla a termine viaggiando sugli stessi binari di quelli seguiti un anno fa sul conto di Tiago Casasola, acquisito dai capitolini per 3 milioni (dopo che sulla scrivania della Salernitana erano giunte richieste ufficiali da Parma, dagli svedesi del Malmoe e da un club di Serie B spagnolo) e poi lasciato a titolo temporaneo in granata fino a fine stagione. Plusvalenza per il bilancio campano, ma l’argentino non ha mai vestito la casacca laziale: in estate avrebbe dovuto risposare il cavalluccio marino in prestito, ma dopo il qui pro-quo con Ventura fu spedito ad allenarsi da solo a Formello e non preso in considerazione per il ritiro della squadra di Simone Inzaghi, che gli ha regalato solo una comparsata in panchina in Coppa Italia la scorsa settimana. Un trattamento simile era stato riservato a Mattia Sprocati, acquistato pure lui per circa 3 milioni dalla Lazio nell’estate 2018, valutato in ritiro e poi spedito al Parma, con cui fu poi ratificato un obbligo di riscatto che ha portato il team biancoceleste a fare comunque una plusvalenza (di 412.847 Euro) sull’investimento fatto. Sia Casasola che Sprocati, insomma, nonostante i 6 milioni complessivi sborsati, non si sono rivelati elementi di interesse tecnico per la Lazio.

Cosa accadrà a Jallow? Rumors romani danno l’operazione di acquisizione del suo cartellino da parte della Lazio come molto fattibile. Naturalmente, la posizione di classifica della Lazio, che fa sognare legittimamente addirittura lo Scudetto ai suoi tifosi, impone l’arrivo di giocatori dal pedigree ben diverso. A Igli Tare, però, piacciono le scommesse e tra i prospetti idonei all’operazione in casa Salernitana, avrebbe individuato proprio in Jallow l’elemento su cui poter scommettere. Tutto lascia presagire, insomma, che dietro l’orientamento a rispedire al mittente la proposta egiziana ci sia proprio la Lazio, club da anni quotato in Borsa, il quale dovrebbe scommettere sull’ex clivense non prima di giugno. Il giocatore nelle ultime settimane è parso anche piuttosto nervoso: ieri l’altro Ventura a Pescara non lo ha preso in considerazione e una parte di tifoseria non gli ha perdonato l’atteggiamento censurabile messo in scena durante e dopo la sfida col Crotone.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in Calciomercato