Connect with us

News

Porte più alte in Svizzera-Lituania, Pieri in Rai: “Capitò anche a me con la Salernitana…”

“Cose che succedono soltanto nei campi dilettantistici?”, chiede il giornalista Enrico Varriale in diretta su Rai Uno. “Per la verità capitò anche a me in un Cagliari-Salernitana di tanto tempo fa”, risponde Tiziano Pieri, ex arbitro e oggi opinionista nell’emittente televisiva pubblica. La domanda arriva nello studio post-partita di Bulgaria-Italia, ma le immagini che scorrono riguardano lo stadio di San Gallo, in Svizzera, dove la partita tra gli elvetici e la Lituania (di Adamonis, rimasto in panchina), valevole per le qualificazioni ai prossimi Mondiali, è iniziata con 20′ di ritardo a causa delle misure delle porte: prima della gara, infatti, ad una misurazione sono state riscontrate più alte del dovuto, 5 centimetri in più – a quanto pare – rispetto ai 2,44 metri regolamentari. Alla fine gli operai dell’impianto svizzero hanno sostituito fisicamente le porte con altre rispondenti ai canoni.

Tifosi granata a Tempio Pausania nel 2002 (foto da SalernitanaStory.it)

Cosa c’entra la Salernitana? Se non altro, rievoca i rcordi dell’ex fischietto genovese, Pieri, che l’1 dicembre 2002 fu involontario protagonista di un caso rarissimo nel professionismo: sul neutro di Tempio Pausania, dove il Cagliari aveva trovato ospitalità nella stagione 2002/03 di Serie B, la Salernitana si presentò per sfidare i rossoblu, ma presentò delle proteste prima del match mediante il segretario Abagnara, pare su indicazione dell’allora tecnico, Zdenek Zeman: le misure del campo non erano regolamentari e le porte non erano perfettamente centrate rispetto al campo. La partita iniziò con ritardo di quasi due ore e furono ridisegnate le linee delimitanti, non senza proteste della Salernitana. Alla fine il campo fu allargato di sei centimetri e Pieri si assunse la responsabilità di far giocare la partita, anche per evitare problemi di ordine pubblico. Alla fine i sardi (allenati da Gian Piero Ventura) vinsero 2-0, ma la società all’epoca presieduta da Aniello Aliberti presentò riserve scritte dopo la gara, una per il discorso delle porte, per l’appunto, l’altra per le misure del campo e un’altra ancora per l’inizio con l’estremo ritardo che superava abbondantemente i canonici 45′ d’attesa perché la squadra di casa rimuovesse gli ostacoli. Pieri non ha mai, a distanza di tempo, affrontato l’argomento nello specifico: nonostante le azioni della Salernitana, all’epoca il giudice sportivo omologò il punteggio. Stasera, il flashback per l’ex arbitro ligure.

Tornando a Svizzera-Lituania, il contrattempo non sarebbe nato dopo una “denuncia” della selezione ospite, bensì dopo controlli di routine del prepartita. Per la cronaca, la squadra biancorossa ha vinto 1-0.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News