Connect with us

News

Polito lancia i granata: “Serie A possibile. Manca il bel gioco? È la polpetta a riempire la pancia”

Tolti i guanti, ha indossato subito la cravatta. Ciro Polito ha detto addio al calcio giocato, l’ex portiere della Salernitana si è ritirato al termine della stagione 2015/2016 l’ultima da professionista alla difesa della porta della Juve Stabia. A Castellammare Polito è rimasto, prima come direttore dell’area tecnica e oggi come direttore sportivo. Una carriera che è appena all’inizio per l’ex numero 1 granata ma che sta già portando i propri frutti. La Juve Stabia è seconda in Serie C e spera nella promozione, l’augurio per Polito è che però il derby con la Salernitana possa essere rimandato per una doppia promozione. Anche perché i granata sono terzi e la A è possibile: “Mai dare qualcosa per scontato in Serie B. Chi diche che la Salernitana non possa ambire ai primi due posti della classifica?”. Se lo augurano tutti i tifosi granata, ma c’è da lavorare. Anche perché la concorrenza è folta: “Quello di Serie B è un campionato aperto a tutti – ha detto Polito ai microfoni di Radio Alfa –  C’è sempre un outsider che fa bene, come il Benevento di un paio di anni fa che non era una squadra costruita per vincere. L’anno scorso forse Empoli e Frosinone avevano qualcosa in più, mentre quest’anno vedo solo il Palermo un po’ avvantaggiato perché ha una struttura di squadra ben amalgamata e alla lunga può risultare un fattore. Ma la Salernitana se la gioca, quest’anno la B è meno lunga e quindi più insidiosa: i granata possono ambire ai primi due posti”.

I risultati per ora stanno arrivando, manca solo la prestazione: “Lo ha detto Lotito, quello che contano sono i risultati. Alla fine la polpetta ti riempie la pancia, farebbe certamente piacere vedere allo stadio del bel gioco ma se non si può avere certamente meglio sono i risultati”.

Polito conosce molto bene Salerno, è cresciuto nelle giovanili granata e poi ha debuttato in prima squadra. Nel corso della sua carriera è riuscito a raggiungere anche la Serie A, dove per tre anni è stato all’Atalanta di Stefano Colantuono: “È stato un piacere essere allenato dal mister. Anche quella era una squadra compatta come la Salernitana di oggi. Colantuono è un allenatore che ha bisogno di un po’ di tempo, infatti all’inizio a Salerno lo scorso anno ha avuto qualche difficoltà. Poi, però, quando riesce a farsi costruire la squadra che desidera riesce sempre a plasmarla come vuole lui. Le sue squadre rispecchiano sempre il suo carattere, è un tecnico grintoso e anche i suoi ragazzi mettono tutto in campo. Non lascia nulla al caso e cura tutti i dettagli, non è un caso che la Salernitana sia una delle migliori difese”.

Ma se i granata hanno subito solo 11 gol in campionato, gran parte del merito va al collega di Polito Alessandro Micai: “Un portiere pratico, ma carismatico – il giudizio del diesse della Juve Stabia – Ha una grande personalità e lo ha dimostrato a Bari che è una piazza difficile come Salerno. Nonostante non partisse con i gradi da titolare è riuscito a conquistare il posto e poi a mantenerlo. La Salernitana dopo diversi anni ha trovato un portiere che dà garanzie ma soprattutto qualche punto in più”.

Dopo l’1-0 con lo Spezia la Salernitana si è fermata, i granata torneranno in campo addirittura il 1 dicembre. 21 giorni dopo l’ultimo impegno di campionato: “La telenovela estiva è il male del nostro calcio, non ho mai visto all’estero quello che è successo in Italia ad agosto. La B a 19 è un male per tutti, hanno creato un danno anche a noi in Serie C perché dobbiamo convivere con un campionato anomalo: squadre con più giornate, turni infrasettimanali, recuperi a tutte le ore. Adesso la Salernitana sarà costretta a osservare un turno di riposo doppio e quando stai così tanto tempo senza giocare è sempre un male, soprattutto per una squadra che arriva da un momento positivo. Speriamo si possa ritornare presto ai vecchi tempi, così come promesso da Gravina”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News