Connect with us

News

Onestà Colantuono: “Troppa differenza, non so se sarà possibile avere qualcosa a gennaio”

Non può che evidenziare il valore dell’avversario Stefano Colantuono il quale, dopo lo sfogo post Genoa, ha cercato di soffermarsi principalmente sull’aspetto tecnico dopo il pesante ko con l’Inter. “È andata come alle altre squadre che hanno sfidato l’Inter – ha dichiarato ai microfoni di Sky Sport – Ora c’è troppa differenza per quel che ci riguarda. Ovviamente speri sempre di fare qualcosa in più. I problemi sono tanti e ce li trasciniamo da tempo. Non riesco a prendere spunti da questa partita, non è questo il nostro campionato. Abbiamo anche creato qualcosa. Con le nostre pari abbiamo fatto il nostro, abbiamo sbagliato il primo tempo con Samp ed Empoli, abbiamo vinto a Venezia a pareggiato a Cagliari. Sapevamo che torneo dovevamo fare, ovvero contro altre cinque squadre”.

Le difficoltà, appunto, non mancano: “Sarebbe stato meglio arrivarci con altre idee, questa squadra ha bisogno del mercato. Sarebbe importante avere qualcosa a gennaio, ma non so se sarà possibile. Il clima è particolare, ma è normale. Finiamo il girone di andata a Udine e cercare di fare punti. Vediamo che succede a livello societario. I ragazzi si stanno spremendo e li ringrazio, qualcuno ha giocato non al top. Abbiamo tanti infortuni. Ieri in rifinitura abbiamo perso un calciatore per una pallonata al viso. Certamente la rosa va puntellata, si dovrebbe vedere chi accetterebbe questa sfida. Il mercato servirebbe per giocarcela alla pari con le altre. Gli scontri diretti saranno fondamentali per la salvezza. Il gap tra piccole e grandi è molto evidente, noi partecipiamo ad un mini campionato”.

Concetti ribaditi ai microfoni di Dazn dal tecnico granata: “Veniamo da un momento particolare legato a circostanze particolari e non voglio tornare sull’argomento. Questa è la mia decima partita, abbiamo trovato sei squadre nettamente superiori e le abbiamo affrontate nel loro momento di migliore forma. Nelle altre quattro abbiamo fatto bene con Venezia e Cagliari, poi peccato per il risultato con la Sampdoria. Non è questo il nostro campionato, c’è troppa differenza”. Sulle vicende societarie: “C’era questa proprietà con la possibilità di avere una nuova società che potesse portare qualche innesto. La gente a Salerno ci sta sempre molto vicino, queste vicende non hanno aiutato la piazza hanno creato un po’ di malumore. Il campionato della Salernitana è con queste 4-5 squadre per cercare di ottenere questa benedetta salvezza. Però con tutti gli infortuni che abbiamo diventa difficile centrare l’obiettivo. Servirebbe rimpinguare un po’ la rosa, c’è qualcuno che sta giocando con qualche acciacco e sta tirando la carretta. Kastanos? Non abbiamo un play con quelle caratteristiche. Lui e Schiavone forse sono quelli che possono palleggiare meglio e fare giocate più logiche. Ma si adatta meglio al ruolo, lui è mezz’ala”.

In sala stampa il trainer romano si è soffermato sull’aspetto ambientale: “Capisco la gente, capisco tutti, la cosa è anche imbarazzante. Ci si mette pure il calendario, giochi con squadre di un certo calibro. Sono depresso, bisogna anche farsi forza. Speriamo di risolvere presto le problematiche. Non so come andrà a finire, ho parlato dopo la partita, situazione pesante. A Udine sarà una partita alla nostra portata, vediamo cosa succederà a livello societario. Alla lunga la cosa si fa sempre più pesante, le scadenze erano diverse, c’è stato un intoppo e tutto si è protratto, parlare di calcio diventa difficile, specialmente se davanti hai l’Inter.
Chi arriva può fare quel che vuole come nuova proprietà, ma almeno ci sarà una linea da seguire. I regolamenti li conosco fino a un certo punto, deve esserci qualcuno che la vuole e che la prende, volendo fare anche investimenti. Non so cosa faremo se ci sarà proroga, l’importante è che succeda qualcosa, abbiamo bisogno di dare una mano ai ragazzi che si stanno mettendo a disposizione. Per Udine vedremo se riusciamo a recuperare qualcuno, faremo domani il punto della situazione”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News