Connect with us

News

Occhi aperti sui friulani, Deulofeu avverte: “Riscattiamo ko al 93′, a Salerno per vincere”

Fari accesi, occhi spalancati, massima allerta. Sabato al Castellani l’Empoli ha dimostrato di volersi giocare la partita indipendentemente dalla presunta rilassatezza in classifica ed ha fatto bene, onorando il campionato al pari delle altre squadre impegnate su altri campi e già “tranquille”. Ma anche il Venezia, già retrocesso, è andato a pareggiare a casa di Mourinho.

“Solo con le nostre forze”

Insomma, al netto di pochissime eccezioni, i giusti valori dello sport stanno venendo fuori. “Sono orgoglioso del percorso della Salernitana ancor più perché ottenuto esclusivamente con le nostre forze. Questo è particolarmente gratificante”, ha riconosciuto Nicola dopo Empoli. Se ti aspetti regali, esci dal campo carico di meraviglia. Questo non può accadere. Ecco perché bisogna temere ed assolutamente non sottovalutare l’Udinese, che non ha più obiettivi ed è reduce da una sconfitta in casa contro lo Spezia. La compagine di Cioffi – che fu un giocatore di Walter Sabatini nella lontana stagione 1999/2000 all’Arezzo, in Serie C – non intende scendere in campo all’Arechi domenica con la testa altrove. Chiaro, le motivazioni potranno fare la differenza. Ma anche gli eventuali cali di concentrazione. Si veda la Sampdoria ieri: rilassata dopo la salvezza aritmetica, ha giocato in scioltezza e rifilato 4 gol a una Fiorentina in corsa per un posto in Europa.

L’avvertimento di Deuloufeu

Ad avvalorare la tesi della massima attenzione da tenere nei confronti dell’Udinese c’è lo stesso attaccante friulano, Gerard Deulofeu, ospite ieri della trasmissione Udinese Tonight sul canale ufficiale bianconero: Ancora mi dispiace un po’ per la sconfitta casalinga, ma il nervoso mi è passato e sto bene. Dobbiamo dare valore a dove eravamo e dove siamo ora, prenderne atto e ringraziare i nostri tifosi. La sconfitta contro la Salernitana del mese scorso ce l’ho ancora in testa, non dimentico di come abbiamo perso all’ultimo minuto in casa e al dispiacere dei tifosi. Tutti pensavano a festeggiare con la famiglia e non gli abbiamo regalato quella vittoria. Siamo concentrati per andare a vincere a Salerno. Dobbiamo farlo per i tifosi e la famiglia Pozzo che ci dà un’ottima struttura in settimana, quello che serve per andare a giocare le partite e fare punti. Dobbiamo vincere anche per noi, ovviamente, per finire al dodicesimo posto con 47 punti. È molto tempo che non facciamo così tanti punti e vogliamo andare forte”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 






Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News