Connect with us

News

Non basta una Salernitana volitiva a Marassi: granata ko di misura e fuori dalla Coppa

TABELLINO

SAMPDORIA (4-4-2): Letica; Rocha (48′ st Yoshida), Ferrari, Colley, Regini; Leris (31’st Jankto), Askildsen, Silva (19′ st Thorsby), Verre; La Gumina, Keita (20′ st Damsgaard). A disp. Audero, Ravaglia, Augello, Ekdal, Ramirez, Bereszynski, Quagliarella, Prelec. All. Ranieri

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Karo (45′ st Aya), Gyombèr, Mantovani (28′ st Djuric); Casasola, Kupisz, Dziczek (20′ st Schiavone), Capezzi, Lopez; Antonucci (45′ st Tutino), Giannetti (28′ st Cicerelli). A disp. Adamonis, Guerrieri, Iannoni, Veseli, Barone, Baraye. All. Castori

Arbitro: Prontera di Bologna (Avalos/Rossi). IV: Di Graci di Como

Diretta: RaiSport

Note: Marcatori: 9′ st La Gumina; Angoli 9-2; Ammoniti: Silva, Jankto (SAM), Dziczek, Djuric (SAL); Recupero: 1′ pt, 4′ st


La Salernitana saluta la Coppa Italia, perdendo 1-0 a Marassi contro la Samp, decisivo La Gumina ad inizio ripresa. La squadra di Castori disputa comunque una buona partita. Il cavalluccio regge bene l’urto nel primo tempo, nella ripresa incassa gol su contropiede, ma prende anche coraggio, mettendo paura in qualche occasione ai liguri.

CRONACA. Castori opera un massiccio turnover al Ferraris in vista del campionato e lascia spazio a chi ha giocato meno, dei titolarissimi scendono in campo i soli Belec, Gyombér, Lopez, Casasola e Kupisz. Il tecnico passa al 3-5-2 e regala una chance dal 1′ minuto a Karo e Giannetti, si rivede dopo un anno e quattro mesi Mantovani, giocano dall’inizio anche Dziczek, Capezzi e Antonucci che sostituisce André Anderson, infortunatosi all’adduttore nel riscaldamento. Attacca a spron battuto la Samp nei primi minuti, sfiorando il vantaggio al 7′: Karo sbaglia un disimpegno in uscita, Keita gli ruba la palla e scappa via, l’ex Lazio si accentra, entra in area e calcia col destro, Belec risponde presente. Arrivano anche i primi gialli del match per Adrien Silva e Dziczek. Al 13′ i padroni di casa reclamano un calcio di rigore per un tocco di mano in area di Gyombér su colpo di testa di Verre, per Prontera tutto regolare. La Salernitana fa fatica ad uscire e cerca di respirare con qualche lancio lungo. Al 20′ è pericoloso La Gumina che riceve da Verre al limite e calcia subito a giro, palla di poco a lato. Un minuto dopo è Keita ad impensieri Belec che deve alzare in angolo. Al 24′ occasione ghiottissima per la squadra di Ranieri che parte tre contro due in contropiede, difesa granata in affanno, La Gumina porta palla accompagnato da Keita e Verre che, ricevuto il pallone in area, calcia di poco fuori col destro. Al 27′ La Gumina mette paura ancora al portiere granata, ma due minuti dopo l’ex Capezzi si divora di piatto destro, su assist di Giannetti, il possibile 0-1. La Salernitana regge bene l’urto. Al 37′ Verre chiama all’intervento Belec da fuori area col mancino, sul corner susseguente un cross di Keita, deviato da Leris, diventa un assist succulento per Rocha che da due passi trova ancora l’opposizione di un attento Belec con i piedi. Al 40′ Giannetti scappa verso Letica, su filtrante di Kupisz, ma viene pizzicato in offside dal guardalinee. Sul finale di tempo Castori prova a coprirsi, arretrando Casasola e Lopez in un 5-3-1-1. Risultato a occhiali a fine prima frazione.

Ad inizio ripresa Castori opera subito due cambi, togliendo un disastroso Karo per Aya e provando a dare verve all’attacco, inserendo Tutino al posto di Antonucci. Trascorrono cinque minuti e La Gumina scalda i guantoni di Belec con un bel destro, dopo aver agganciato bene un cross basso di Leris. Tre minuti dopo Salernitana pericolosissima con Casasola che riceve da Giannetti al limite e spara col sinistro, palla di poco alta sopra la porta di Letica. Al 9′ la Samp trova il vantaggio. Su un corner granata i blucerchiati conquistano palla e partono in contropiede con Verre che, sfruttando una scoperta difesa ospite, arriva fino all’area di Belec e serve l’accorrente La Gumina che stavolta, col mancino, non sbaglia. Il cavalluccio comunque non demorde, il neo entrato Tutino tiene in costante apprensione la retroguardia di Ranieri. Il tecnico romano richiama Silva e Keita, inserendo Thorsby e Damsgaard, Castori si gioca la carta Schiavone al posto di Dziczek. I granata continuano a tenere il campo, non disdegnando qualche sortita dalle parti di Letica. Castori si gioca anche le opzioni Djuric e Cicerelli al 28′, al posto di Mantovani e Giannetti, mettendosi in formazione tipo. Al 33′ Belec rischia il pasticcio, lisciando un rinvio su retropassaggio di Aya. Un minuto dopo la Salernitana reclama un calcio di rigore per un presunto mani di Regini su cross di Casasola, Prontera non è d’accordo. La Samp ribalta l’azione e Belec deve disinnescare un cross forte e basso di Jankto. Al 41′ Damsgaard duetta con Colley al limite dell’area, ma il suo piatto destro è alto. Nel terzo dei quattro minuti di recupero la difesa di casa rischia qualcosa, con un disimpegno incerto che l’attacco granata non sfrutta. Dopo un ultimo forcing ospite, finisce così: Sampdoria al turno successivo, Salernitana eliminata, nonostante una prestazione volitiva.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News