Connect with us

News

Moviolone Sampdoria-Salernitana: distribuzione iniqua dei cartellini

Non la migliore prestazione del signor Paolo Valeri di Roma 2, arbitro designato per la delicata sfida fra Sampdoria e Salernitana. Un silent check nel primo tempo e una pioggia di cartellini nel secondo, oggettivamente distribuiti in maniera forse troppo sbilanciata, fanno calare il voto del direttore di gara di poco sotto la sufficienza: cinque e mezzo.

Subito a lavoro arbitro e sala var al 4’ nell’occasione del gol di testa di Fazio. Sullo slancio, l’argentino travolge Berezynski. I padroni di casa protestano e chiedono un fallo sul difensore, l’arbitro Valeri convalida giustamente il gol dopo un rapido silent check. Al 19’ si viene a creare un parapiglia in mezzo al campo a causa di un fallo non fischiato a Djuric (colpito al costato da Rincon). Successivamente Candreva non mette palla fuori per permettere le cure all’attaccante bosniaco, ma continua a giocare scatenando le proteste di Sepe e dello stesso Djuric; ammoniti entrambi nella circostanza. Sanzione pesante per il centravanti granata, il quale era diffidato e salterà il recupero di mercoledì con l’Udinese. C’è da dire che l’ex Cesena è stato – da capitano – forse un po’ ingenuo nell’occasione. Da regolamento, l’interruzione del gioco da parte dell’arbitro è prevista solo per colpi alla testa.

Nei primi 5’ della ripresa, parecchio spezzettata e piena di sanzioni, arrivano altri due gialli in direzione dei calciatori ospiti: il primo per Bonazzoli. L’ex blucerchiato commette un fallo inutile, entrando in scivolata su Colley che stava per effettuare un retropassaggio al proprio portiere. Il secondo per Bohinen che interviene in ritardo su Bereszynski: il fallo c’è ma non è cattivo e, a differenza dell’episodio del numero 9 granata, stavolta probabilmente senza gli estremi per l’estrazione del cartellino. Al 54’ Coulibaly e Mazzocchi si scontrano in maniera fortuita, con quest’ultimo che rimane ferito alla testa; inspiegabilmente però, il direttore di gara lascia proseguire il gioco con la Sampdoria che prova ad approfittarne. A 10’ dal termine Ribery commette fallo su Colley e allontana il pallone. Il direttore di gara non può far altro che scrivere il nome del francese sul taccuino dei cattivi, da regolamento. Dopo poco anche Mazzocchi viene ammonito per perdita di tempo. Altra ingenuità in questo caso, visto che l’esterno granata era anche lui diffidato e dunque salterà il prossimo match coi friulani. Altrettanto ineccepibile il giallo per Ranieri, una manciata di secondi più tardi, che interviene in maniera irregolare su Sabiri dopo aver perso palla. All’88’ Sensi stende Ribery al limite della propria area di rigore; il giallo sembrerebbe netto, viste le decisioni prese da Valeri fino a questo momento, ma stavolta il direttore di gara non mette mano al taschino. Tuttavia, l’ammonizione arriva ugualmente in direzione del centrocampista blucerchiato un minuto più tardi, quando interrompe con le cattive la ripartenza di Kastanos. Cartellino ancora più sacrosanto.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News