Connect with us

News

Moviolone Salernitana-Spezia: Valeri aiutato dal Var; il rigore chiesto dalla Salernitana…

Salernitana-Spezia aveva bisogno di un arbitro esperto, essendo una partita delicatissima in chiave salvezza, e così è stato. Nonostante ciò, il signor Paolo Valeri di Roma 2, uno dei fischietti più rispettati e premiati d’Italia, è sembrato molto disattento, soprattutto nei tre episodi da moviola, in cui è servito l’ausilio del Var Maggioni per fare chiarezza. Del resto, 6 ammonizioni (3 per parte) tutte corrette, in una partita combattuta e piena di emozioni.

Al 7’ sala Var subito a lavoro: Erlic anticipa Fazio che stava per spazzare via il pallone. Valeri inizialmente lascia proseguire ma poi viene richiamato al monitor. Successivamente l’arbitro cambia decisone, assegnando il penalty (poi trasformato da Manaj), per il calcione, netto, rifilato dal centrale della Salernitana al proprio avversario. Al quarto d’ora arriva il primo cartellino giallo del match: Amian interviene completamente in ritardo su Kastanos “guadagnandosi” un’indiscutibile ammonizione; (dallo stesso calcio di punizione arriverà poi il raddoppio di Verdi). Al 26’ il tiro in area di rigore di Manaj viene respinto da Mousset, posizionato a pochi centimetri. Il direttore di gara lascia in un primo continuare, ma viene richiamato per la seconda volta all’ on-field review. Le immagini mostrano la sfera carambolare sul braccio dell’attaccante francese, il quale cercava di portarlo davanti al volto per proteggersi. Quando il tocco avviene però, è ancora troppo largo e dunque Valeri, dopo la revisione, assegna il secondo penalty che vale il  pareggio dello Spezia. Nella circostanza, l’attaccante granata viene soltanto ammonito e non espulso, in quanto non vi è la certezza che la sfera finisca in rete.

Al 40’ lo Spezia attacca e guadagna un calcio d’angolo con Gyasi. I padroni di casa protestano per presunto tocco di mano dello stesso attaccante bianconero, non ravvisato però da Valeri che concede ugualmente il corner. Nella ripresa, al 50’, arriva un altro giallo: Ribery perde una palla sanguinosa a centrocampo permettendo allo Spezia di ripartire. Fazio, a questo punto, entra in scivolata su Maggiore spendendo in maniera intelligente la propria ammonizione. All’88’ Perotti lascia sul posto Kiwior che si vede costretto al fallo; anche in questo caso, Valeri è obbligato a mettere mano al taschino, estraendo un giallo sacrosanto per il centrocampista spezzino. Pochi secondi più tardi, sul cross di Ranieri c’è un tocco di mano da parte di Amian.

Il difensore delle aquile allarga le braccia per tenere a distanza Bohinen e, mentre è girato da tutt’altra parte, colpisce il pallone con l’arto superiore. Valeri decide inizialmente di non intervenire, ma è sufficiente un rapido silent check per confermare la scelta presa in partenza. Probabilmente l’involontarietà del tocco, col giocatore che non guarda mai la palla, spinge il direttore di gara verso la “non concessione” del penalty. Nei minuti di recupero c’è ancora tempo per un paio di ammonizioni: prima Radovanovic si becca il giallo per una sbracciata su Maggiore. Poi sull’ultima azione, è Nguiamba a finire sul taccuino dei cattivi con un intervento pericoloso (da arancione più che da giallo), utile ad interrompere la ripartenza di un incontenibile Perotti.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News