Connect with us

News

Moviolone Salernitana-Frosinone: Vitale da “arancione” su Coulibaly

Una gara fatta di tanti duelli quella tra Salernitana e Frosinone, una di quelle partite per il signor Giovanni Ayroldi di Molfetta, direttore di gara dal “cartellino facile”. Rimanendo difatti nella sua media, ieri sera si sono contati sette cartellini estratti, 39 i falli fischiati. Il primo intervento disciplinare al minuto 9: André Anderson entra a gamba tesa su Kastanos al limite dell’area. Il suo intervento, abbastanza pericoloso, induce l’arbitro ad estrarre il primo cartellino giallo del match. Rischiosissimo per l’ex laziale, ma Ayroldi si accorge che il giocatore granata guarda il pallone e mira all’aggancio della sfera. Al quarto d’ora Vitale entra in maniera scomposta su Coulibaly facendo sentire i propri tacchetti sulla caviglia dell’avversario che, nell’occasione, si fa male ed è costretto ad abbandonare il campo.

L’arbitro estrae soltanto il cartellino giallo, ma a rivedere l’azione a rallentatore poteva pure starci il rosso, vista la pericolosità e l’evidente intenzionalità dell’intervento, fra l’altro da dietro. Vitale sembra disinteressarsi del pallone: azione da “arancione”, ciociaro graziato. Al 37’ retropassaggio volontario per Bardi che scivola; una volta a terra, per evitare che l’avversario arrivi prima, tocca la palla col braccio. L’arbitro assegna, come da regolamento, un calcio di punizione indiretto in area. Quest’irregolarità non comporta alcun provvedimento disciplinare; bravo dunque il giudice di gara a non ammonire l’estremo difensore del Frosinone.
La ripresa invece comincia con un’altra ammonizione con Gori che si becca il cartellino giallo per l’intervento in ritardo su Capezzi. Sanzione che ci sta tutta. Al 59’ Zampano trattiene Tutino, impedendogli di sprintare palla al piede; il direttore di gara, anche in questo caso, non può far altro che ammonire.

Dieci minuti più tardi arriva il giallo per Di Tacchio: il capitano granata, nel tentativo di rubare palla con una scivolata al limite della propria area, finisce per sgambettare platealmente Kastanos. Il centrocampista giallazzurro accentua la caduta per quello che è un intervento sì irregolare, ma non cattivo. Considerata anche la zona di campo pericolosa, è un cartellino che in fin dei conti ci sta. Al minuto numero 76 altra ammonizione per i padroni di casa: Jaroszynski, impegnato nella riconquista del pallone, colpisce Carraro col piede a martello. L’arbitro decide, giustamente, di mettere mano al taschino, sanzionando il difensore polacco, che era diffidato e dunque salterà la trasferta di Chiavari contro l’Entella sabato pomeriggio. A 10’ dal termine c’è tempo per un altro cartellino giallo, questa volta comminato a Brighenti: il difensore ospite si aggrappa visibilmente alla maglia di Capezzi per fermare la ripartenza granata; ammonizione sacrosanta.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News