Connect with us

News

L’Avv. Chiacchio rivela: “Udinese pensa al ricorso al Coni. Puntiamo a rigiocare anche col Venezia”

Potrebbe non essere finita la battaglia legale tra Udinese e Salernitana. Il club friulano pare intenzionato a ricorrere al Collegio di Garanzia del Coni dopo che la Corte Sportiva d’Appello ha di fatto cancellato il 3-0 a tavolino (e restituito il punto di penalità inizialmente inflitto ai granata) e disposto la disputa del match che ora la Lega dovrà collocare nel calendario già denso di impegni del girone di ritorno. Lo rivela l’Avvocato Eduardo Chiacchio, che ha curato il ricorso della Salernitana insieme ai colleghi Salvatore Sica e Francesco Fimmanò, nel corso della trasmissione “Granatissimi” di “OttoChannel”: “Forse l’Udinese non si aspettava di subire questo accoglimento del nostro ricorso – spiega Chiacchio – e di vedere così accorciarsi il vantaggio sulla zona retrocessione. E’ possibile che ci sia un controricorso ma in quel caso i tempi si allungherebbero notevolmente. Ricordiamo che il Napoli dovette arrivare al terzo grado per ottenere di disputare la partita con la Juventus; noi ci siamo riusciti nel secondo grado di giudizio. Abbiamo dato una gioia ed una soddisfazione al neo presidente Iervolino con cui ci siamo sentiti in remoto, ma anche ai calciatori che attendevano questo risultato”.

Chiacchio spiega: “La sentenza del Giudice Sportivo è stata completamente annullata, ed è stata dimostrata la correttezza e la buona fede dell’operato della dirigenza della Salernitana che non sollecitò il provvedimento della Asl che era un atto dovuto. Abbiamo presentato documentazione inoppugnabile e la Corte ci ha dato ragione”.

Adesso c’è il ricorso per il match interno col Venezia: “Oggi abbiamo un punto in più e la possibilità di scendere in campo una volta in più; godiamoci il punto recuperato ma con i colleghi Sica e Fimmanò prepariamoci ad una nuova sfida legale questa volta con il Venezia che dalla sua parte ha anche la Lega che si è costituita in giudizio contro la Salernitana. Sono due situazioni diverse ed indipendenti che si sono sviluppate con due quadri normativi differenti”.

Sulle date potenziali di recupero del match con l’Udinese, Chiacchio spiega: “Non sono brevi. Intanto dobbiamo attendere le motivazioni della Corte Sportivo di Appello e l’Udinese ha da quel momento 30 giorni per proporre ricorso al Collegio di Garanzia del Coni. Solo dopo quella sentenza definitiva sarà possibile per la Lega programmare il recupero. Ricordiamo che l’anno scorso Torino-Lazio fu giocata nella settimana che precedeva l’ultima giornata”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News