Connect with us

News

Kiyine, croce e delizia: gol, colorita dedica a Ventura e… il rosso ingenuo. Il mister: “Sofian ha sbagliato”

Classe e carattere, forse troppo. Sofian Kiyine teneva tantissimo a togliersi qualche sassolino dalle scarpe ieri sera contro la sua ex squadra. L’ha fatto, trasformando il rigore del pareggio, ma ha poi rovinato tutto con l’ingenua seconda ammonizione che l’arbitro Volpi gli ha (giustamente) comminato.

Glaciale dagli undici metri, con il suo piede ha portato in dote alla Salernitana quattro punti in due partite ravvicinate. A Livorno, però, non ci sarà per squalifica. Un aspetto, quello caratteriale, su cui il talentuoso calciatore marocchino deve lavorare assiduamente per diventare ancor più leader tecnico, nonostante la giovane età (è un classe 1997): Ventura punta tantissimo su di lui, l’ha dimostrato tenendolo in campo praticamente sempre. Kiyine, prelevato dalla Lazio e poi girato in prestito a Salerno, dove aveva mosso passi importanti nella stagione 2017/18 (all’epoca in prestito proprio dal Chievo), ha l’occasione di consacrarsi definitivamente nel calcio italiano.

L’affetto per Gian Piero Ventura è ovviamente ricambiato. Forse troppo, vista la più che colorita dedica che Kiyine gli ha fatto all’intervallo dopo il gol dell’1-1 (clicca qui per leggere l’articolo). A fine gara, ai microfoni di Liratv, l’allenatore ha condannato le parole del giocatore marocchino , tendendo a minimizzare le incomprensioni con l’ambiente gialloblu: “Sofian poteva evitare di dire quelle cose, ha sbagliato. Ho rivisto Pellissier, l’ho salutato con affetto, altrettanto ho fatto con il presidente Campedelli. C’è gente che in cinque anni sta in un club non succede niente e io in venti giorni al Chievo ho sconvolto il mondo. Nulla di tutto ciò che è stato scritto, fa parte del grande mercato della notizia”. Nel chiuso dello spogliatoio, già oggi alla ripresa potrebbe arrivare la ramanzina anche per la doppia ammonizione. Fa tutto parte del processo di crescita: il turno di riposo obbligato di domenica, probabilmente, consentirà al calciatore di ritornare in campo contro il Frosinone il 6 ottobre più “fresco”. In attesa della chiamata del suo Marocco…

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News