Connect with us

News

Il Trapani non ci sta, l’AD Petroni alza la voce: “Quello che è successo è uno schifo”

Recrimina il Trapani. Per le occasioni sprecate, per i rigori non concessi, perché dopo quattro giornate la squadra ancora non ha trovato punti. Oggi i siciliani avrebbero meritato sicuramente qualcosa in più, ma nel calcio alla fine ha ragione solo chi vince. E quindi il Trapani resta fermo a zero punti, ora Baldini rischia. Al termine del match si presenta in sala stampa l’amministratore delegato Lorenzo Petroni, che ne ha per tutti. “Quello che è successo oggi è uno schifo“, ha detto il dirigente siciliano. Il Trapani alza la voce e Petroni si fa sentire: “Prima di tutto voglio fare i complimenti alla squadra, ha fatto una partita fantastica e deve continuare così. Purtroppo oggi c’è stata un’ingiustizia, io sono qui perché la squadra merita un ringraziamento perché nessuno di noi si aspettava quello che hanno fatto oggi. Abbiamo subito un danno, è sotto gli occhi di tutti, penso che la società si farà sentire sul discorso arbitraggio perché le cose devono cambiare”. E ancora: “La partita parla da sola, per 90′ abbiamo giocato e dovevamo vincere, non abbiamo vinto perché abbiamo subito un’ingiustizia, non si può parlare di una sconfitta perché abbiamo espresso un buon calcio. Baldini? Ha lavorato bene. Leggo di probabile esonero, a oggi non so cosa dire anche perché da parte nostra non sono mai state rilasciate dichiarazioni. Oggi meritavamo di vincere ma questo è il calcio, se vincevamo uno a zero non avremmo parlato di Baldini”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News