Connect with us

News

Il Coronavirus ferma il calcio: tre ipotesi per ‘salvare’ il campionato di Serie B

Campionati fermi fino al 3 aprile. È questa la decisione imposta dal Governo e confermata dalla FIGC nelle scorse ore. L’emergenza Coronavirus che sta mettendo in ginocchio l’Italia ferma, inevitabilmente, anche il calcio che pensa però a come e quando riprendere.

Il prossimo 23 marzo il Consiglio Federale si riunirà nuovamente per ratificare le modalità di prosecuzione dei diversi tornei. Venerdì mattina, a Roma, si riuniranno i presidenti delle compagini cadete per stilare le proposte. Ad ora sul tavolo ce ne sono almeno tre: la cadetteria non ha “scadenza internazionali e quindi ha più ampia marginalità di programmazione” ha sottolineato ieri il presidente federale Gabriele Gravina (clicca qui per i dettagli).

Le tre ipotesi

La prima ipotesi consisterebbe nel tornare in campo il 5 aprile con la 31ma giornata (la Salernitana giocherebbe all’Arechi con la Cremonese) recuperando le due giornate saltate a fine campionato. In questo modo playoff e playout slitterebbero alla prima decade di giugno.

Altra ipotesi è quella dello “scivolamento” della partite. In questo modo il calendario verrebbe riscritto: la Salernitana, nel weekend del 4-5 aprile, affronterebbe regolarmente il Pisa. Una soluzione che potrebbe essere applicata alla Serie A e che permetterebbe di salvaguardare la regolarità dei campionati, anche per quanto concerne squalifiche e diffide.

L’ultima strada è quella che porterebbe ad uno “snellimento” dei playoff eliminando il primo turno. In questo modo prenderebbero parte agli spareggi promozione terza, quarta, quinta e sesta classificata. Per quanto concerne la Serie A, Gravina ha messo sul tavolo tre alternative: la non assegnazione dello Scudetto, il riferimento alla classifica maturata fino al momento dell’interruzione oppure la disputa di playoff per il titolo di Campione d’Italia e playout per la retrocessione in B.

Se le stesse misure venissero applicate al campionato cadetto, si aprirebbero tante piste. Ad esempio, nel primo caso, verrebbero bloccate promozioni e retrocessioni. La seconda porterebbe ad annullare playoff e playout (prime tre in A, ultime quattro in C). Tante ipotesi e ancora un po’ di tempo per decidere, con la speranza che si possa tornare a parlare serenamente di calcio giocato quanto prima.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News