Connect with us

News

Fava, la ricetta dell’ex: “Granata da playoff ma serve equilibrio. DiGe? Ha bisogno di sentirsi importante”

L’ultima “vera” vittoria col Verona portò anche la sua firma. Se quell’1-0 in finale playoff ebbe il sapore di una sconfitta, nella stessa stagione 2010/11 la Salernitana fu capace di sconfiggere in campionato gli scaligeri con il nome di Dino Fava nel tabellino. Finì 2-1, gli ultimi tre punti interno conquistati contro i gialloblu.

L’attaccante classe 1977 – attualmente in forza al Giugliano, in Eccellenza – è intervenuto ieri sera ai microfoni di Radio Alfa Lab. “Come dimenticare quella famosa finale – ha esordito riferendosi all’epilogo del campionato di otto anni fa – All’andata ci derubarono con due rigori clamorosi e non dormimmo per una settimana. Però, pensandoci bene e con calma è meglio che sia andata così: se avessimo conquistato la promozione avremmo cominciato il campionato successivo con tante penalizzazioni e problemi, meglio che Salerno abbia ricominciato da zero per arrivare dove è oggi”. In una Serie B che regala emozioni, certo, ma che non conosce ancora il format esatto del campionato. “Sono deluso da questa situazione creatasi, ancora oggi non si conosce bene il format. Eppure, il campionato di B è sempre bellissimo, ci sono sempre squadre che possono venir fuori. Nel mio primo anno a Salerno, ad esempio, ricordo che eravamo secondi dopo le prime 10 giornate. La favorita? Non saprei, il torneo è particolare, non saprei proprio dire neppure chi può essere outsider perché siamo solo all’inizio”, ha proseguito Fava. E la Salernitana, riuscirà a centrare almeno i playoff? “Può farcela tranquillamente – la risposta – L’importante è mantenere l’equilibrio, cosa che a Salerno è difficile perché l’umore cambia molto in base ai risultati. Non ho visto la partita con l’Ascoli ma sto seguendo il cammino della squadra granata. Al momento è ancora presto per giudicare e tirare le somme tra le compagini che hanno fatto preparazioni più pesanti e altre che verranno fuori più in là. Bisogna stare tranquilli e avere fiducia”.

Pazienza e saper attendere. Il mantra che vale per la squadra ma anche per i singoli come Di Gennaro, reduce da un’annata non felice alla Lazio e che sta stentando a prendersi il ruolo di protagonista e trascinatore dell’ippocampo. Il trentenne centrocampista ha giocato nel 2007/08 al Bologna con Fava. All’epoca era giovanissimo e fece già parlare di sé all’ombra del Dall’Ara in prestito dal Milan. “Me lo ricordo benissimo, un ragazzo di prospettiva importante, ci diede una grande mano a vincere il campionato. Sono contento che sia venuto a Salerno, Di Gennaro ha un carattere un po’ particolare, si deve sentire importante e forte, se riesce a trovare continuità inizierà sicuramente a far vedere le sue qualità per un grandissimo campionato. Oggi come oggi il trequartista è difficile, in fase di non possesso devi correre dietro al play avversario ma Davide ha qualità anche per rincorrere gli avversari, a Bologna lo faceva anche in copertura, quando starà nella migliore delle condizioni potrà fare anche quello”, il parere al riguardo dell’ex bomber granata che proprio non vuole saperne di smetterla col calcio giocato, nonostante i 41 anni suonati: “Per fortuna la mia passione e la mia voglia mi portano ad avere ancora integrità fisica, sto bene e mi diverto a giocare a Giugliano, abbiamo fatto una buona squadra e cercheremo di vincere il campionato di Eccellenza”. In bocca al lupo, Dino!

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News