Connect with us

News

Dubbio Colantuono: difesa a 3 o a 4? Media punti dice…

Le non perfette condizioni di Franck Ribéry potrebbe convincere Stefano Colantuono a rispolverare contro il Cagliari il 3-5-2. Il trainer di Anzio ha utilizzato questo modulo nel pesante ko all’esordio contro l’Empoli, precisamente solo nei primi 45′. Difesa a tre che prima era stata soprattutto utilizzata da Castori; nella prima esperienza a Salerno anche l’attuale allenatore granata ha spesso schierato la sua Salernitana con i tre difensori.

Media punti ok con difesa a quattro

Spulciando i dati, dei sette punti che la Salernitana ha in classifica, ben sei sono arrivati con la difesa a quattro (contro Genoa e Venezia); un solo punto invece con il terzetto difensivo (contro il Verona). Su tredici giornate, in sei la Salernitana si è schierata con la difesa a tre (contro Bologna, Roma, Torino, Atalanta, Verona ed Empoli), nelle restanti sette col 4-3-1-2 (contro Sassuolo, Genoa, Spezia, Venezia, Napoli, Lazio e Sampdoria). Insomma la media punti dice: 0,86 a partita con i quattro difensori, 0,17 invece con retroguardia a tre.

Cola, 25 volte con la difesa a tre

Nella prima esperienza granata (da dicembre 2017 a dicembre 2018) Stefano Colantuono ha spesso però utilizzato la difesa a tre (3-5-2, 3-4-1-2, 3-4-3 o 3-4-2-1). Precisamente l’ex tecnico del Bari ha scelto i tre difensori in 25 partite, tra campionato 2017/18, 2018/19 (fino all’addio) e quello in corso. Lo score parla di otto vittorie, sette pareggi, e dieci sconfitte, se si considera anche Salernitana-Empoli dello scorso 23 ottobre.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News