Connect with us

Calciomercato

Stasera all’Arechi anche Migliorini: l’identikit del nuovo difensore granata

Anche Marco Migliorini è un nuovo calciatore della Salernitana. Il possente difensore centrale ha sottoscritto un contratto annuale (con opzione di altri tre anni) che il club granata andrà ad esercitare dopo aver valutato il rendimento dell’ex Avellino. L’ufficialità arriverà nelle prossime ore, ma Migliorini è annunciato domani all’Arechi per la presentazione ufficiale della squadra.

E’ Marco Migliorini il centrale difensivo prestante che completa il roster di dioscuri della retroguardia di Stefano Colantuono. Il ventiseienne ex Avellino, che rasenta i due metri di altezza, regala al pacchetto difensivo granata i centimetri necessari per contrastare il gioco aereo delle squadre avversarie e, ovviamente, per garantire un’opzione offensiva in più sulle palle inattive a favore. Il percorso professionale del neo difensore granata ha inizio nella Primavera del Chievo, prima di affrontare un’interessante esperienza nel massimo campionato ceco con la maglia del Brno (5 presenze). Ritorno immediato in Italia, destinazione Chieti (C2), dove gioca titolare e mette in mostra una sicura pericolosità sulle palle inattive (3 reti realizzate). Buon campionato che attira l’interesse del Como, dove è frenato da un infortunio e divide lo spogliatoio con l’attuale portiere granata Micai. Segue il biennio a Castellammare, nel corso del quale con la maglia della Juve Stabia colleziona 50 presenze ed altre 3 reti.  Due anni positivi che lo pongono nel mirino di diversi operatori di mercato della serie cadetta. Ad acquisirne le prestazioni è l’Avellino, dove però deve pazientare a lungo, sia con Tesser che con Toscano, prima di diventare un punto quasi fisso della squadra di Walter Novellino, ed un titolare inamovibile con Foscarini.

Dal punto di vista tecnico-tattico, Migliorini è soprattutto un centrale (sia in un assetto a tre che in uno a quattro), posizione che gli consente di sfruttare la fisicità per ben presidiare e preservare i sedici metri. A dispetto dell’altezza, favorito da una struttura longilinea, l’ex stabiese si fa rispettare abbastanza anche sul piano dell’anticipo e della velocità. Ovviamente, egli riesce ad evidenziare la sua solidità difensiva soprattutto nel corpo a corpo e nelle situazioni di gioco acrobatiche, pur ribadendo che i tempi di uscita e la reattività sull’uomo non sono quelli del classico centrale ‘pesante’ e macchinoso. Con la sua presenza, la Salernitana dovrebbe colmare le lacune emerse in precampionato sulla palle inattive, e conferire un discreto tasso di esperienza e temperamento alla sua retroguardia.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato