Connect with us

Calciomercato

Djuric ricercatissimo, De Sanctis prova a ricucire: incontro in settimana

Milan Djuric vuole restare alla Salernitana e la Salernitana vorrebbe trattenerlo. La proprietà granata non ha mai nascosto la stima nei confronti dell’uomo, prima che del calciatore, e in settimana ci sarà un incontro decisivo per discutere il rinnovo del contratto in scadenza tra sedici giorni. Magari, anche trovare l’accordo. Il direttore sportivo, Morgan De Sanctis, si è infatti attivato per ricucire i principi di strappo che c’erano stati tra fine maggio e inizio giugno quando in sella c’era ancora Walter Sabatini.

La concorrenza per l’ariete

Fiorentina e Napoli – gli azzurri hanno incrementato il pressing nelle ultime ore – è sempre lì, assieme al Besiktas e alle sirene della Premier League, da dove a partire da fine maggio sono arrivati al calciatore diversi messaggi di gradimento e richieste di informazioni. La storia è nota: l’attaccante bosniaco, che ha da poco compiuto 32 anni, chiede un triennale, mentre il club di Iervolino preferirebbe fermarsi a un biennale. Volendo, il punto di incontro si potrà trovare, anche perché il giocatore sta molto bene a Salerno con la sua famiglia e resterebbe di buon grado. È in Campania dal 2018 ed è stato protagonista delle ultime quattro stagioni del cavalluccio, dalla salvezza ai playout in B a quella di quest’anno in massima serie, passando ovviamente per la promozione dello scorso torneo.

 

Strandberg e Perotti

In scadenza di contratto ci sono anche il difensore norvegese e il trequartista argentino. Per quest’ultimo, la permanenza a Salerno è difficile. La partenza del suo mentore Sabatini ha fatto abbassare ma non scomparire del tutto le chances di riconferma: l’ex romanista conosce bene anche lo stesso De Sanctis, con cui ha condiviso esperienze a Siviglia e Roma. L’addio di Sabatini, con cui Strandberg aveva avuto alcune incomprensioni, soprattutto dopo l’estromissione dalla lista over a febbraio, potrebbe in qualche modo facilitare almeno un contatto tra l’entourage del giocatore e il nuovo direttore sportivo. Si tratta pur sempre del centrale difensivo titolare della Nazionale norvegese e in settimana le parti dovrebbero avere almeno un contatto telefonico. Al momento, l’ex trapanese sembra aver rifiutato il ritorno in patria propostogli dal Rosenborg e preferirebbe restare in Italia. Il punto interrogativo sta nella tenuta fisica: ha ripreso bene dopo l’intervento di ernia inguinale, proprio con la maglia della Norvegia, ma ora ha bisogno nuovamente di continuità.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato