Connect with us

News

Da Firenze a Udine, 4 partite in 10 giorni: tour de force sgangherato, in coppa spazio a baby?

Con il viaggio Firenze inizierà l’upgrade del ciclo di ferro di fine anno solare per la Salernitana: quattro partite in dieci giorni, una ogni due e mezzo. Sarà praticamente impossibile allenarsi e sperare di recuperare uomini che dovessero malauguratamente ancora trovare la strada dell’infermeria. La situazione societaria, le difficoltà di classifica e di uomini rendono tutto più complicato anche nello spogliatoio, nell’ambiente. Si rischia l’elettricità, che con la pioggia può dare più di un corto circuito.

Fiorentina sabato 11, poi la trasferta di Coppa Italia in casa del Genoa il 14, l’Inter in campionato venerdì 17 (scongiuri d’obbligo per gli scaramantici) e infine il viaggio a Udine del 21 dicembre. Dopo il match del Franchi – che Colantuono non presenterà in conferenza stampa, bensì solo con alcune frasi pubblicate sul sito ufficiale della società – la delegazione granata non resterà al nord, sebbene l’impegno contro il Grifone sia dietro l’angolo: di nuovo giù in charter dopo la partita, domenica da trascorrere a Salerno e poi lunedì di nuovo su in volo verso la Liguria (gara in notturna, inizio ore 21). I sedicesimi di Coppa Italia risultano quasi un ostacolo, viste le ristrettezze totali di una squadra ultima, che rischia di ripiegarsi su se stessa. Non che il Genoa se la passi meglio, peraltro. L’allenatore granata sa che dovrà far riposare più di un elemento martedì e pensa di portare a Genova diversi elementi della Primavera: ieri si sono disimpegnati nell’undici della prima squadra Andrei Motoc, 19enne moldavo che può giocare in difesa o a centrocampo ed è stato tesserato in estate dopo il fallimento del Carpi (operazione condotta dall’agente Paolo Paloni che gode di rapporti molto stretti con la dirigenza granata, per aver concluso nel recente passato altri affari), e i due mediani Alessandro Russo (2003) e Bruno Sabatino (2004). Tre elementi che insieme ai fuori lista Aya e Kalombo potrebbero tornare utili quantomeno per rinfoltire il gruppo in vista del match In Coppa Italia, infatti, non vige il regolamento delle liste bloccate e tutti i tesserati per il club possono prendervi parte. La gara vedrà presumibilmente titolari i vari Fiorillo, Vergani e Delli Carri, assolutamente comprimari fino a questo momento. Ma prima, c’è la più importante e proibitiva sfida contro la Fiorentina.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News