Connect with us

News

Covid-19, in Cina la luce fuori dal tunnel. L’ex granata Joao Silva: “Abbiamo ripreso ad allenarci”

In Cina il campionato sta per riprendere, anzi per cominciare. Con un mese di ritardo rispetto alla tabella di marcia, nella zona dove il Coronavirus è partito adesso la situazione sta molto migliorando. Restando in ambito calcistico, le squadre sono tornate sui campi, sebbene non ci sia ancora una data di inizio e le precauzioni per la vita di tutti i giorni siano sempre massime. Ma la luce in fondo al tunnel inizia a vedersi in modo sempre più forte, come conferma l’ex attaccante granata Joao Silva. Da un anno gioca nel Nantong Zhiyun, in seconda serie cinese, e all’odierna edizione del quotidiano Il Mattino ha dato testimonianza di quanto sta accadendo nel Paese orientale.

“Siamo tornati da un mese ad allenarci in gruppo, la vita è ripresa normalmente e la gente lavora, anche obbligatoriamente con mascherine. Non c’è ancora la data di inizio del campionato, ma rivedere le famiglie nel parco a godersi il sole è una gioia, perché sono rimaste due mesi barricate in casa. Hanno avuto tanta forza mentale. – afferma il portoghese – I casi sono quasi annullati, ma ora sono gli europei a portare il virus. Perciò hanno chiuso le frontiere da giorni. Nessuno entra, neppure se residente o deve lavorare. L’avvio della stagione slitterà ancora per consentire a chi è in arrivo di fare la quarantena. Se qui non è ancora iniziata, non oso immaginare in Europa dove si è già oltre la metà. Un bel problema”. In Cina i campionati sono diversi dall’organizzazione europea, iniziano a marzo e finiscono a novembre, rispettando l’anno solare. Joao ha trascorso dicembre in vacanza, dopodiché ai primi di gennaio era rientrato in Cina per il precampionato. “Dopo poco, però, è iniziata l’epidemia e ci siamo fermati. Sono tornato in Portogallo, lì mi sono allenato da solo e potevo correre all’aperto senza restrizioni, mentre i miei compagni cinesi erano chiusi in casa. – ricorda sempre sul quotidiano Il Mattino – Il 5 marzo mi hanno chiesto di tornare: ammetto che ero preoccupato, ma il club mi ha garantito che era tutto sicuro e lo confermo: ho fatto 15 giorni di isolamento e, dopo diversi controlli, mi sono unito al gruppo. Il preparatore mi seguiva su Skype con allenamenti comunque pesanti, anche senza lunghe distanze. E poi cardio, prevenzione infortuni. Serve pazienza, bisogna crearsi una routine e il tempo passa più velocemente. Se ti alleni ogni giorno e mantieni il peso forma, tornare in gruppo dopo 2 mesi non crea grandi problemi. Certo, servono almeno un paio di settimane sul campo per essere presentabili in partita”. 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News