Connect with us

News

Consiglio Federale, Casini: “Non capisco la rigidità sull’indice di liquidità”

Il Consiglio Federale svoltosi in data odierna, ha approvato il nuovo Statuto di Serie A e le licenze nazionali. Tra le principali novità il passaggio del calcio femminile italiano dal regime del dilettantismo al professionismo, ma anche l’applicazione dell’indice di liquidità tra i criteri per poter ottenere l’ammissione al campionato.

“Soddisfatti per aver finalmente approvato le modifiche dello Statuto – ha commentato Lorenzo Casini, Presidente della Lega Serie A, a margine del Consiglio federale – permangono le perplessità sull’indice di liquidità, non per la utilità dell’indicatore in sé, ovviamente, ma per i tempi e i modi con cui è stato reintrodotto come requisito di ammissione. Siamo a fine aprile, l’iscrizione è a fine maggio, ma l’indice fotografa la situazione al 31 marzo: ha così efficacia retroattiva e, soprattutto, obbliga eventuali squadre a immettere liquidità senza poter ricorrere al mercato e in un contesto ancora sotto gli effetti della pandemia”.

Il Consiglio federale di oggi ha approvato, tra l’altro, le modifiche dello Statuto della Lega Serie A e i manuali di licenze nazionali per la stagione sportiva 2022/2023 per la Serie A, la Serie B e la Lega Pro. Per la Serie A, torna l’indice di liquidità come criterio di ammissione – lo era stato fino alla stagione 2019/2020 – con valore 0,5. A metà marzo la Federazione aveva proposto 0,7. La Lega, nelle scorse settimane, ha lavorato a una serie di proposte per rendere sostenibile e graduale il ritorno alla normalità: tra queste, è stato accolto l’abbassamento dell’indice di liquidità.

Confesso che in Consiglio non abbiamo trovato tutte le risposte alle domande che abbiamo posto. Perché proporre un indice 0,7 a marzo, con stadi ancora a capienza ridotta e lo stato di emergenza ancora in corso, se la Serie A mai ha avuto questo valore per iscriversi al campionato? – ha proseguito Lorenzo Casini -. Nella stagione 2019/2020, il valore era 0,6. Perché non siamo partiti da lì? Per quest’anno, poi, sarebbe stato ragionevole correggere l’indice di 1/3, come è stato calmierato l’indice di patrimonializzazione per Serie B e Lega Pro (da 0,15 a 0,10). Per questa ragione abbiamo suggerito 0,4, senza ulteriori correttivi. Anche il valore dell’indicatore dell’indebitamento è poco comprensibile: 1,2, quando era 1,5 prima della pandemia, a fronte di minori cavi e maggiori costi”.

“La Serie A vuole un calcio sano, anche nel rispetto delle nuove norme Uefa, ma la tempistica e le modalità non ci hanno convinto. La Lega già a febbraio, prima della mia elezione, aveva all’unanimità chiesto che l’indice non fosse reintrodotto in un momento così vicino all’iscrizione al campionato e a mercato invernale già chiuso – conclude Casini –. Certo è che per il futuro le squadre di Serie A, così come quelle delle altre leghe, debbono sapere con congruo anticipo regole e condizioni per iscriversi al campionato”.

Infine, il Consiglio ha approvato le modifiche delle NOIF riguardanti il passaggio al professionismo del calcio femminile. “Sono molto contento – ha aggiunto infine Casini –, e mi ha sorpreso leggere di resistenze della Serie A su questo. È l’opposto! Mi auguro che la Lega Serie A giunga presto ad avere due divisioni, maschile e femminile, così da poter valorizzare ancora di più un movimento in forte crescita”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News