Connect with us

News

“Con l’Atalanta assembramenti in Curva Sud”: Regione Campania invoca indagini e sanzioni

Mentre si discute sull’aumentare il limite massimo di capienza negli stadi italiani, le immagini di alcuni impianti gremiti fanno sorgere qualche preoccupazione. Era prevedibile che nei settori di tifo più caldi il rispetto del distanziamento e delle altre norme di sicurezza anti-pandemia potesse sfuggire al controllo e proprio per questo c’è chi propone regole più rigide e sanzioni più severe come Fulvio Bonavitacola, numero due della Regione Campania.

“Immagini incompatibili e inaccettabili”

Fulvio Bonavitacola, vicepresidente della Campania

Al vice presidente regionale (foto al lato) non è piaciuta la bolgia in cui si è trasformata la Curva Sud dell’Arechi grazie al ritorno del tifo organizzato nella gara contro l’Atalanta. Nel corso di un intervento sulle frequenze di Radio Punto Nuovo ha fortemente criticato il comportamento dei tifosi: “La Regione Campania non ha competenze dirette per quanto riguarda gli accessi agli impianti e le modalità di controllo. Indubbiamente andrebbe salvaguardata la passione dei tifosi campani, ma sempre rispettando le regole attualmente in vigore. Le immagini della curva della Salernitana gremita contro l’Atalanta sono inaccettabili e incompatibili con le attuali disposizioni sanitarie. Non so se siano stati venduti più biglietti di quelli possibili, ma di certo l’esempio dello stadio Arechi non è da prendere come riferimento“.

Bonavitacola invoca sanzioni

Lo stadio di via Allende però non è stato l’unico in cui ci si è dimenticati di essere in una situazione ancora rischiosa. Per rimanere in Campania, anche in Napoli-Venezia si sono viste scene simili e in tante altre occasioni in cui i fan più accaniti non sono riusciti a trattenersi nel sostenere la loro squadra. A tutte le latitudini e in ogni categoria, infatti, l’inizio dei campionati ha prodotto immagini di tifosi seduti l’uno accanto all’altro, ammassati, addirittura senza mascherina. La contrapposizione era evidente ieri nel corso di Juventus-Milan: non sarà sfuggito ai telespettatori che nei settori dello Stadium diversi da quello ospiti era rigorosamente rispettata la seduta a scacchiera, mentre nella zona dedicata ai sostenitori milanisti era un vero e proprio accumulo di gente ammassata. D’altra parte anche durante Euro2020 c’erano state delle avvisaglie. Il vice di Vincenzo De Luca cerca soluzioni: “Il precedente di Napoli-Venezia? Con i sistemi di rilevazione installati per le Universiadi 2019 sono state irrogate sanzioni a tutti coloro che non hanno rispettato la disposizione a scacchiera. Sarebbe auspicabile la creazione di spazi destinati al tifo organizzato. Al momento, però, essendo ancora in piena emergenza, vanno necessariamente rispettate le regole imposte dal governo italiano. Il problema verificatosi a Salerno, come in altri impianti, riguarda il mancato controllo del rispetto di tali regole. Sicuramente ci saranno indagini su quanto avvenuto all’Arechi, dovranno esserci sanzioni serie, come la revoca della tessera del tifoso“.

1 Commento

1 Commento

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News