Connect with us

News

Colantuono finalmente esulta: “Complimenti ai ragazzi. Al completo possiamo giocarcela”

Ancora ultima, ma stavolta il bicchiere non è desolatamente vuoto. Il successo di Verona ridà fiducia ma soprattutto un senso al prosieguo del torneo della Salernitana che resta aggrappata al campionato, a meno sei dalla salvezza e con due gare ancora da recuperare. Ma l’exploit del Bentegodi va rimarcato soprattutto per le condizioni di clamorosa emergenza in cui Colantuono ha dovuto preparare il match.

“Voglio fare i complimenti alla squadra – ha esordito il tecnico granata nel post-gara – Il periodo è stato difficilissimo, tra Covid ed infortuni. I ragazzi sono stati dei professionisti esemplari. Li ringrazio davvero. La vittoria è importante su un campo difficile e contro una squadra forte. Abbiamo disputato la partita che potevamo fare, non avevo grossi cambi soprattutto a centrocampo. Capezzi era reduce da problemi fisici. Sapevamo servisse tanto sacrificio, ma le occasioni le abbiamo create noi con Gondo e Zortea. Il Verona nella ripresa ha avuto le sue palle gol. Non possiamo preparare le partite in questo momento, dobbiamo fare di necessitò virtù. Lavoro in funzione di quello che ho, da quando sono arrivato mi sono dovuto adattare viste le tante assenze. Ci servono punti e recuperare giocatori subito, siamo corti. Oggi in tanti non ne avevano più. Quando ci saremo tutti, ci giocheremo le nostre carte. Non siamo fortunatissimi, abbiamo colpito molti pali. Giocare con l’assillo del risultato non rende le cose facili, speriamo di riuscire a fare qualche filotto. Vogliamo restare attaccati al gruppone”.

La speranza è di recuperare qualche calciatore per la sfida di sabato all’Arechi quando arriverà la Lazio di Lotito: “Oggi abbiamo giocato con un allenamento e mezzo fatto, viviamo un po’ di emergenza dalla sosta natalizia, in quel periodo ci siamo allenati in 7, al di là del Covid abbiamo tanti lungodegenti. E’ un problema che ci ha attanagliato in queste partite, non riuscivo mai dare seguito a un sistema, dovevo cambiare in continuazione. I ragazzi sono stati bravi a venire a vincere su un campo dove tante squadre hanno lasciato punti, avevamo in panchina Bonazzoli e Delli Carri sani, altri venivano da periodi senza allenamenti e da problemi fisici. con questo spirito possiamo giocarcela anche con le altre, non so cosa potremo fare. Avevamo bisogno di un risultato così, avevamo preso un po’ di bastonate, il calendario non ci ha aiutato. È la mia undicesima partita e abbiamo incontrato tante squadre forti, nelle condizioni in cui eravamo non era facile fare punti. Anche la squadra potrà finalmente passare una serata di euforia, abbiamo subito altra partita sabato molto difficile”.

La palla ora passa nelle aule di tribunale per capire se la Salernitana potrà recuperare anche la sfida all’Udinese: “Alla luce del cambio di regolamento, ci dobbiamo attenere ai nuovi dispositivi. Giocare con tredici calciatori a disposizione secondo me non è calcio, giocoforza salta qualcosa. Dipende da chi prende il Covid, se sono titolari o no, dalla profondità della rosa. Qualcosa si sfalsa, ma la regola l’hanno messa e la dobbiamo rispettare, così come prima le Asl potevano bloccare”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 






Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News