Connect with us

News

Chiellini: “Dovevamo chiuderla prima, Salernitana insidiosa quando attacca sotto la Sud”

Giorgio Chiellini è un pilastro della Juventus e del calcio italiano, non solo per quanto sia roccioso in campo, anche per l’innato carisma che ha. Nel momento che sta attraversando la Vecchia Signora è lui a fermarsi ai microfoni di Dazn e a portare la bandiera della squadra. Il messaggio del capitano bianconero è quello di tutta la squadra: “Abbiamo fatto una buona partita, ma sia ieri che oggi il mister ha usato le parole giuste per farci capire il momento e cosa bisognava fare. Non serve nulla di straordinario, ma le cose normali, con grande responsabilità. Oggi abbiamo giocato con rispetto e umiltà. Ora pensiamo alla prossima. Ci sono momenti e momenti, la Juventus ha dato tanto a tutti e noi dobbiamo ricambiare. Dobbiamo restare uniti e vicini al club. Tutti insieme ne verremo fuori con serenità, equilibrio e amore“.
Il difensore pisano non tralascia l’analisi della gara, che la Juve ha giocato bene ma che ha nascosto delle insidie: “Oggi abbiamo giocato tutti bene, il campo era in ottime condizioni. Siamo stati puliti, giocando a due tocchi, fino agli ultimi venti metri. Dovevamo forse chiuderla prima, perché la Salernitana quando attacca sotto la Curva Sud è pericolosa. Cerco sempre di aiutare i miei compagni, ho ancora dei piccoli obiettivi da raggiungere. Arriviamo a Natale facendo punti, abbiamo sbagliato tante partite alla portata finora. Vorrei bere un bicchiere di vino contento, cominciamo vincendo domenica“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News