Connect with us

News

Cavalluccio a Reggio Emilia: 11 precedenti, nel nuovo stadio è solo roba per… difensori

A Reggio Emilia è roba per difensori. La Salernitana ha cominciato a vincerci solo negli ultimi due precedenti, col minimo scarto (0-1) e grazie al tiro di Ciccio Galeoto deviato da Filippo Galli nel 1997/98 e di Errico Altobello nel 2010/11. Prima di allora c’erano state altre nove partite giocate dal cavalluccio marino, con la miseria di due pareggi e ben 7 sconfitte sul campo della Reggiana: fino ai primi anni Novanta il teatro fu lo stadio Mirabello, poi ci fu la costruzione del Giglio, che dal 2013 si chiama Città del Tricolore. Nell’attuale stadio la Salernitana ci ha giocato tre volte, segnando altrettanti gol con altrettanti difensori. Prima di Galeoto e Altobello, infatti, il 29 ottobre 1995 era stato Mark Iuliano a timbrare il cartellino.

Storie di difensori, si diceva. Ci si inserisce, per i più romantici, pure l’indimenticabile dribbling che glacialmente Vittorio Tosto si “permise” di fare praticamente sulla linea di porta (sguarnita) al fresco ex di turno Alessio Pirri, da pochi mesi passato alla Regia con insolito numero 40 sulle spalle; quasi ad aspettarlo, per poi beffarlo e liberare l’area di rigore. Era il 22 febbraio 1998. Ci pensò Galeoto con una girata appena dentro l’area di rigore, con la sfera che si impennò dopo un tocco del difensore reggiano Galli, ex bandiera del Milan. Nella stessa porta invece fu Altobello – l’8 maggio 2011 – l’autore della decisiva zampata di destro su suggerimento da calcio piazzato di Carrus al 16′ della ripresa: fu la beffa per la Reggiana (in cui giocava un giovanissimo Ramzi Aya) e l‘ipoteca sulla partecipazione ai playoff della squadra all’epoca allenata da Breda. Altobello, peraltro, aveva colpito anche un palo nel primo tempo. Fin qui, le gioie. I dolori erano cominciati esattamente 62 anni prima, l’8 maggio del 1949, con la sconfitta della Salernitana per 2-0 al vecchio Mirabello nel campionato di Serie B in cui era da poco retrocessa; segnarono Bonaretti e Forlani. Vittorie emiliane a go go negli anni seguenti: all’ultima di campionato 1949/59 (1-0, gol di Corradini) e nel 1950/51 (2-0, in rete Cafasso e Scagliarini), nel 1951/52 (2-1, marcatore campano Franco Giraudo dopo il doppio vantaggio locale di Mannocci e Zucchini). La Reggiana retrocesse in quella stagione e le due squadre tornarono a sfidarsi in Serie C il 25 novembre 1956, data del primo punto della Salernitana sul campo emiliano: 1-1, gol di Zanini per i padroni di casa e Luciano Vellano per gli ospiti. L’anno seguente fu dominato dalla Reggiana, che fu promossa: niente sconti all’ippocampo, sconfitto 3-0 con i colpi di Catalani, Pistacchi (su rigore) e Masoni. Nel 1966/67 in B la Salernitana si ripresentò al Mirabello e beccò altri tre gol, pur essendo andata avanti per prima con Giovanni Bolzoni; di Mazzanti e Fogar (doppietta) i gol reggiani. Il 16 dicembre 1990 (in B) la Salernitana giocò per l’ultima volta nel vecchio impianto di Reggio Emilia, racimolando uno 0-0. Nel 1995/96, infatti, la neoretrocessa Reggiana aveva già la nuova casa nello stadio Giglio e vinse 2-1 anche grazie al gol del fresco ex di turno Pietro Strada, che pareggiò l’iniziale vantaggio ospite firmato Mark Iuliano, prima del gol di Zuliani per il definitivo successo della squadra di casa allora allenata da Carletto Ancelotti. Poi, le già citate gare del 1997/98 e del 2010/11 con le altrettanto sottolineate firme di Galeoto (in coabitazione con Galli) e Altobello: nel nuovo impianto reggiano, quando c’è la Salernitana è solo roba per difensori…

Di seguito il tabellino dell’ultimo match giocato a Reggio Emilia dal cavalluccio marino:

TABELLINO   –   REGGIANA-SALERNITANA 0-1 (2010/11)

REGGIANA (3-5-1-1): Manfredini; Aya (11’ st Maritato), Zini, Lanna; D’Alessandro, Saverino (19’ st Temelin), Mei, Maschio, Viapiana; Esposito; Guidetti (36’ st Chinellato). A disposizione: Offredi, Arati, Migliaccio, Bovi. All: Mangone.

SALERNITANA (3-4-3): Caglioni; Altobello, Jefferson, Accursi (38’ st Peccarisi); D’Alterio, Montervino, Carrus, Pippa; Fabinho (30’ st Aurelio), Fava (32’ st Litteri), Ragusa. A disposizione: Iuliano, Franco, Szatmari, Montella. All: Breda.

Arbitro: Sig. Gavillucci di Latina (Pedrini/Tomei)

NOTE. Marcatore: 16’ st Altobello. Ammoniti: Pippa, Montervino e Caglioni (S), Lanna, Aya, D’Alessandro e Mei (R). Angoli: 3-13. Recuperi: 1’pt; 5’st. Spettatori: 4813.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News