Connect with us

News

Brescia-Salernitana, 18 precedenti in Lombardia: ultimo exploit granata firmato Pasa nel 1990

A Pasquetta si giocherà la sfida ufficiale numero diciannove in terra lombarda tra Brescia e Salernitana. Il bilancio narra di undici successi delle rondinelle, quattro pareggi e tre exploit del cavalluccio marino.

La primissima volta, settant’anni fa. Il 24 aprile 1949 la Salernitana fece visita ai biancazzurri in Serie B nel vecchio stadio bresciano di via Piave, perdendo 3-1 con le reti di Schiavi, Rosso e Bulgarelli; in mezzo, il momentaneo pari di Dandolo Flumini. Alla penultima giornata del torneo seguente (1949/50), i campani vinsero grazie a un gol di Ercole Castaldo a sessanta secondi dall’intervallo (0-1). L’anno dopo, il Brescia tornò a vincere (1-0, marcatore Bettini), mentre nel 1951/52 fu 1-1: Franco Giraudo per la Salernitana, Bonaiti per i locali che a fine stagione avrebbero sfiorato la promozione in massima serie. Nel 1952/53 altro ko per i granata, col 3-1 firmato Scaramuzzi (doppietta) e Borra per i lombardi, Costantino De Andreis su rigore per la Salernitana. Lo stesso attaccante romano classe 1925 realizzò lo 0-1 della successiva stagione che valse la seconda vittoria dell’ippocampo sul campo bresciano. Era l’11 ottobre 1953. Nel 1954/55 un fragoroso capitombolo (3-0, marcatori Carta, Fraschini e Gei) causò l’esonero dell’allenatore della Salernitana, Enrico Carpitelli, che fu rimpiazzato da don Mario Saracino, soluzione fatta in casa per tutte le stagioni. Si ritrovò lui in panchina anche nel 55/56, quando i granata furono battuti 2-1 (Bersellini e Buratti per i locali, in mezzo il gol ospite di Francesco Malighetti) nel campionato che segnò il mesto ritorno in Serie C.

Trentaquattro anni di blackout, poi la sfida si riaccese con ben due capitoli nell’arco della stessa stagione 1990/91 che diede la possibilità alla Salernitana di giocare nel nuovo Rigamonti. Il primo ad agosto, in Coppa Italia (0-0), poi dopo neppure un mese in campionato con la vittoria del cavalluccio alla seconda giornata di campionato (1-2, doppietta di Daniele Pasa e momentaneo pari biancazzurro firmato Ganz). La gara si ripeté, sempre in cadetteria, nel 1995/96 e nel 1996/97 con due vittorie bresciane: nel primo caso fu decisivo Saurini (1-0), nel secondo Bizzarri e Criniti (2-0) per il sodalizio dell’allora presidente Corioni che guadagnò la promozione in A. Nel torneo 1999/2000 la Salernitana tornò al Rigamonti e perse 4-1 sotto i colpi di Antonio Filippini, Zanoncelli, Bonazzoli e Yllana, con il gol della bandiera siglato da Emilio Belmonte. Le rondinelle tornarono in Serie A e trascorsero otto anni prima di una nuova visita della Salernitana, sconfitta anche nel 2008/09 (1-0, marcatore Zambelli). Ancor più rotondo il successo del Brescia l’anno successivo con il 3-0 firmato Caracciolo, Rispoli e Taddei ai danni della squadra guidata da Ersilio Cerone e già aritmeticamente retrocessa in terza serie.

Infine, i giorni più vicini. Nel 2015/16 la Salernitana agguantò un insperato pareggio grazie all’ispirato Denilson Gabionetta: nonostante Morosini avesse ribaltato l’iniziale vantaggio campano firmato Raffaele Schiavi, il brasiliano salì in cattedra con i suoi in inferiorità numerica a causa dell’espulsione di Moro, siglando il pregevole gol del 2-2 finale. Nel 2016/17 finì 1-1: vantaggio dell’ippocampo con Riccardo Improta, pareggio locale di Bisoli. Ultimo precedente, lo scorso anno con il 2-0 inflitto dal Brescia ai granata grazie alla goffa autorete di Gigi Vitale e al gol dell’eterno Andrea Caracciolo. Era il 2 dicembre 2017, di seguito il tabellino di quel match:

TABELLINO   –   BRESCIA-SALERNITANA 2-0 (2017/18)

BRESCIA (3-4-1-2): Minelli; Lancini, Coppolaro, Gastaldello; Cancellotti, Martinelli, Dall’Oglio (31’ st Machin), Furlan; Bisoli; Torregrossa, Caracciolo (42’ st Ferrante). A disp: Andrenacci, Pelagotti, A. Lancini, Ndoj, Cortesi, Bagadur, Longhi, Bandini, Rivas. All: Marino.

SALERNITANA (3-5-2): Radunovic; Pucino,  Schiavi, Mantovani (31’st Sprocati); Gatto, Minala, Signorelli, Rizzo (16’ st Ricci), Vitale; Bocalon, Rossi (10’ st Rodriguez). A disp: Adamonis, Asmah, Perico, Popescu, Tuia, Kiyine, Odjer, Cicerelli, Di Roberto. All: Bollini.

Arbitro: Illuzzi di Molfetta (Fiore/Formato. IV uomo: Perotti)

NOTE. Marcatori: 5’ st aut. Vitale, 35’ st Caracciolo. Ammoniti: Machin e Torregrossa (B), Pucino (S). Angoli: 4-5. Recuperi: 2’ pt, 3’st. Spettatori: 7112.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in News