Connect with us

WebTV

VIDEO. “B.Somma, antesignano granata del ds”: focus a Casa Olympic, le parole di Iovino, Accardi, Giordano, Casciello, Faccenda

“Un antesignano del ruolo di direttore sportivo, Bruno Somma pensava… avanti, rispetto ai suoi tempi”. Così Enzo Casciello, giornalista ed ex dirigente, ha contribuito a ricordare stamani l’ex dirigente granata dal 1946 al 1967 presso Casa Olympic, nel corso di un focus sulla figura del direttore sportivo organizzato dai familiari di Somma nell’ambito delle iniziative di “Una vita granata”, kermesse dedicata alla memoria del più longevo dirigente della Salernitana. A fine mese una manifestazione con i bimbi delle scuole calcio colorerà il centro storico, mentre il 30 aprile al Teatro delle Arti sarà proiettato un docufilm sulla vita di Bruno Somma.

Quest’oggi, nella sede dell’Olympic Salerno, club dilettantistico nostrano che ha da poco costruito la sua casa nei pressi del centro commerciale La Fabbrica, erano presenti anche Danilo Pagni – attuale ds della Viterbese con un passato al Salerno Calcio (clicca qui per leggere le sue parole) – Guglielmo Accardi (ds Paganese), Bruno Iovino, Gigi Pavarese (ex ds di Napoli, Torino e Nocerina, clicca qui per leggere le sue dichiarazioni) e Vito Giordano per disquisire su come è cambiato il modo di interpretare la figura del direttore sportivo, tra ingerenze sempre più preponderanti di procuratori e intermediari, nonché di presidenti-manager che spesso sopravvalutano o demansionano il ruolo, pur delicato, dei “diesse”. Assente “per impegni già precedentemente calendarizzati” Mariano Fabiani, che ha fatto pervenire via mail un saluto della società del cavalluccio. Stesso dicasi per Massimo Taibi, ds della Reggina, che era stato invitato a partecipare alla tavola rotonda al pari del collega granata.

Bruno Somma iniziò come vice-segretario nel 1946, per poi diventare segretario generale della Bersagliera qualche anno dopo. All’epoca non esisteva ancora la qualifica di direttore sportivo: fece tutto, dalle faccende amministrative alla costruzione della squadra, dedicando la sua vita (morì a soli 48 anni nel gennaio del 1971) alla Salernitana. Con Alberto Pacifico, cognato, e i nipoti Mario e Bruno, c’era anche il figlio Adolfo. E poi, Enzo Faccenda, delegato provinciale della Figc di Salerno. “Per raccontare del ragioniere Somma, che è stato la storia della Salernitana per un trentennio, ci vorrebbero giorni e giorni. Portò avanti la società in un momento difficilissimo, perché nel dopo-guerra non si viveva nell’oro e il calcio aveva le sue difficoltà – le parole di FaccendaOrganizzava tutto, nell’anno dell’alluvione ad esempio ci trovammo in grande difficoltà e lui riuscì con il gruppo a coinvolgere Achille Lauro che dal Napoli girò immediatamente alla Salernitana 4 giocatori che riuscirono a farci salvare da una situazione delicata in quell’anno. Somma ha fatto tanti sacrifici, si è trovato davanti a dei presidenti che non hanno offerto granché. Lo ritengo l’antesignano del calcio moderno, riuscì a coinvolgere un gruppo di amici a Milano nelle prime riunioni di calciomercato, cosa da cui si è sviluppato ciò che attualmente c’è sia in estate che in inverno. È stato il papà di un altro calcio, una figura storica che merita grande rispetto”. 

Per Enzo Casciello, storico della Salernitana, per cui ha anche lavorato in diverse epoche, “Bruno Somma aveva un intuito eccezionale e una scaltrezza nelle sue mosse fuori dal comune. Queste sue qualità hanno consentito alla Salernitana in quei tempi anche di sopravvivere dignitosamente, al di là delle leggende. Si è ritagliato  un ruolo importante perché ha sempre tolto le castagne dal fuoco, nella sua lunga permanenza alla Salernitana. Spesso ha dovuto fare di necessità virtù. A quei tempi non c’era una vero e proprio mercato e nemmeno un movimento di dirigenti ma solo di calciatori che per giunta non era come oggi. Ha caratterizzato il suo tempo in modo incisivo distinguendosi per aver anticipato i tempi. Erano i dirigenti che facevano il mercato, ma la Salernitana ha avuto il primo vero direttore sportivo solo nel 1975. Per noi che abbiamo vissuto nel periodo è uno dei monumenti, per scrivere la storia più di un capitolo va dedicato a Bruno Somma”.

Non fa una grinza il ragionamento di Guglielmo Accardi, ds della Paganese: “Bisognerebbe ritornare probabilmente a una figura polivalente com’era Bruno Somma all’interno delle società per snellire quelli che sono diventati dei carrozzoni. Tante figure, tanti costi, con tante problematiche per quelle che sono diventate le società di oggi, che stanno portando non il calcio di élite ma alla catastrofe assoluta. Purtroppo, una cosa non esclude più l’altra. Al direttore è richiesta la conoscenza tecnica, però ormai la gestione dei calciatori non passa più attraverso il rapporto con le società e i calciatori stessi, ma passa tutto attraverso la figura del procuratore. Oggi avere rapporti e conoscenze con determinati procuratori è diventato necessario, altrimenti non è più avvicinabile il giocatore neppure attraverso la società di appartenenza. Questo circuito è diventato sicuramente necessario. Quanto sia indispensabile, non lo so. Altra problematica è il direttore sportivo che a sua volta è rappresentato dall’agente, ma dobbiamo fare ammenda come categoria: molti ds, negli anni, hanno portato le società al dissesto. Per cui adesso un presidente neofita preferisce affidarsi ad una persona che è suo collaboratore o conoscente, piuttosto che cercare una professionalità nell’albo dei ds, visto che molti non si sono fatti riconoscere per bravura e professionalità”.
A dire la sua sul tema anche Vito Giordano, per anni talent scout anche di prestigiosi club ma sempre con Salerno nel cuore: “Della memoria di Somma, io sono sempre stato informato da Alberto Pacifico. Non sono iscritto all’albo dei direttori sportivi perché non sono stato mai tutelato, non ho fatto il corso per motivi di lavoro. Ma ho avuto le mie esperienze e ho fatto la gavetta costruendomi da solo. Oggi è un calcio malato e ricco di approssimazione, in cui comandano i procuratori. E nei settori giovanili in Italia sono tutti stranieri”. L’ex dirigente della Nocerina si è espresso anche sul momento attuale della Salernitana: “Mi auguro che col Crotone sia una serata positiva per la società, per la squadra ma soprattutto per il pubblico di Salerno che è un po’ deluso. Ma è sempre presente, non è da poco seguire in mille una squadra in trasferta in questo momento. Società e calciatori devono dare tutto, ora servono risposte certe e non più parole. La Salernitana deve vincere stasera per acquisire tranquillità, perché ogni domenica vediamo risultati altalenanti. Occhio al Crotone, squadra offensiva che con il ritorno di Stroppa sembra aver ritrovato il piacere di giocare. Piazza delusa? C’è un po’ di rammarico. La società non ha capito che questa piazza vuole trasparenza e che la proprietà non dia le condizioni di galleggiare. Il mercato va programmato, non fatto all’ultimo momento. C’è stata improvvisazione e si può sbagliare: deve passare la nottata”. 

Infine, Bruno Iovino, ex dirigente di Nocerina, Avellino, Campobasso, Grosseto, Potenza e già segretario dell’ADiSe, associazione dei direttori sportivi: “È una storia indelebile, è la storia della Salernitana. Bruno Somma giustamente va ricordato per quello che ha fatto anche se dobbiamo dire con enorme dispiacere che è morto a soli 48 anni quindi ha vissuto la sua professionalità per circa 20 anni con la Salernitana facendo il vice segretario, il segretario, il direttore sportivo, l’uomo di fiducia della proprietà.. L’uomo amante dei propri colori sociali, il factotum che rimane nella storia. L’attualità? Mi auguro che la Salernitana possa inserirsi nei playoff. Io penso che sia il minimo obiettivo prefissato sia per la città di Salerno che per la proprietà. Ma per fare questo bisogna fare risultati concreti, perché i numeri sono quelli che contano”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in WebTV

Segnala questo articolo via Email