Connect with us

News

Tabù Mandorlini da sfatare: Colantuono e la Salernitana non hanno mai vinto a casa sua

Attenzione a Mandorlini. Stando alle statistiche, la Salernitana non è mai riuscita a vincere in casa del trainer ravennate. Ci ha provato sette volte. Anche Colantuono palesa qualche difficoltà nel suo storico contro l’attuale allenatore della Cremonese. di contro, ha un bilancio che pende favorevolmente nei precedenti personali allo Zini di Cremona.

L’esordio in Serie A da calciatore di Stefano Colantuono fu contraddistinto da un incrocio proprio con Mandorlini, all’epoca centrocampista dell’Inter: il tecnico granata era in campo al Meazza col Pisa che perse 3-1, mentre Mandorlini figurava tra le riserve e non subentrò. Il confronto in campo fu rimandato solo di un anno, perchè nel novembre dell’86 Colantuono – da difensore dell’Avellino – tornò a far visita all’Inter di un Mandorlini finalmente titolare: finì 0-0, Fu parità (1-1) anche nell’87/88 con entrambi in campo con le medesime casacche e nell’89/90 (Inter-Ascoli 0-0).

Nel 2003/04, al primo anno di Serie B per Colantuono da tecnico (del Catania) arrivò una scoppola per 3-0 in casa Mandorlini (all’epoca alla guida dell’Atalanta). Dieci anni più tardi, un nuovo confronto ma in massima serie: Mandorlini al Verona, Colantuono all’Atalanta, finì 2-1 per gli scaligeri. Non andò meglio l’anno successivo, nel 2014/15, sempre con gli stessi colori: 1-0 per i gialloblu al Bentegodi. Nel campionato di massima serie 2015/16 il primo e unico punto da mister di Colantuono a casa Mandorlini (1-1 rimediato a Verona con l’Udinese).

 

MANDORLINI E LA SALERNITANA. Mai vittorioso, l’ippocampo, quando ha fatto visita ad Andrea Mandorlini. Il 22 dicembre del 1996 il primo incrocio a casa del trainer attualmente alla Cremonese, quand’era il vice allenatore del Ravenna: i granata andarono ko 2-0, l’anno dopo al Benelli pareggiarono invece 0-0. Da primo allenatore, Mandorlini pareggiò in casa nel 2002/03 col Vicenza (2-2 in rimonta alla penultima di campionato con i granata già aritmeticamente retrocessi) e nel 2003/04 a reti bianche all’ultima giornata con l’Atalanta (già promossa) e una vittoria per 1-0 col Sassuolo alla prima di ritorno del campionato 2008/09, sempre in B. Poi, l’era Verona, con le vittorie per 2-1 (in campionato, autogol di Peccarisi e un rigore di Ferrari all’85 dopo il momentaneo pari di Carrus su rigore) e 2-0 nell’arcinota finale playoff nella stagione 2010/11.

 

COLANTUONO A CREMONA. Nella Coppa Italia 1987/88 l’Avellino dell’attuale mister granata espugnò lo Zini ai rigori dopo il 2-2 nei tempi regolamentari. In Serie A – torneo 1989/90 – Colantuono perse 2-1 a Cremona da difensore dell’Ascoli. Da allenatore, precedenti felici: vinse lui nel 2005/06 in B con la sua Atalanta (0-1), pareggiando invece nello scorso campionato alla guida già della Salernitana (1-1).

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News