Connect with us

News

Salernitana double face: forte con le big del torneo, balbettante con le piccole

Con la gara contro lo Spezia si è concluso il girone d’andata della Salernitana che quest’anno dimostra, ancora una volta, un rendimento double face nel torneo cadetto: la truppa di Ventura ha un forte impatto con le big del campionato. Da rivedere, invece, l’approccio contro le squadre che lottano per l’obiettivo salvezza con tanti scivoloni inaspettati collezionati da Di Tacchio e compagni.

ANDAMENTO FORTE CON LE BIG
La Salernitana ha chiuso il girone d’andata al decimo posto: contro le squadre che la precedono in classifica il rendimento è top. Quindici punti in cascina frutto di quattro vittorie contro Pordenone (4-0), Crotone (3-2), Entella (2-1) e Pescara (3-1) rispettivamente seconda, terza, quarta e nona forza del campionato. Tre i pareggi maturati contro Frosinone (1-1), Ascoli (1-1) e Perugia (1-1) sesta, settima e ottava in classifica. Disco rosso, infine, contro la capolista Benevento (0-2) e Cittadella (4-3), quinto in graduatoria. Diciotto goal segnati, tredici subiti. Nel girone di ritorno tutte le sfide, ad eccezione del match con i veneti di Venturato, si giocheranno in trasferta.

ANDAMENTO LENTO CON LE PICCOLE
Discorso completamente diverso, invece, per le squadre che lottano per il mantenimento della categoria e contro cui la Salernitana è andata spesso in difficoltà. Solo undici punti raccolti per i granata che hanno vinto contro le ultime della classe Cosenza (0-1), Trapani (0-1) e Livorno (2-3). Due i pareggi contro Chievo (1-1) e Empoli (1-1), undicesima e quindicesima forza del campionato. Sono cinque le sconfitte maturate, per la precisione, contro Spezia (2-1), Pisa (2-1), Juve Stabia (2-0), Venezia (1-0) e Cremonese (1-0) che occupano il dodicesimo, tredicesimo, quattordicesimo, sedicesimo e diciassettesimo posto. Nove le reti segnate, dodici subite. A parte la sfida con il Chievo, la Salernitana avrà la possibilità di vendicarsi sportivamente parlando giocando in casa con le altre squadre.

Un rendimento incostante che fa emergere uno dei difetti cronici di questa squadra a cui manca poco per il definitivo salto di qualità a livello mentale. Le potenzialità ci sono, a dirigenza, società, staff tecnico e giocatori il compito di ribaltare l’inerzia.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News