Connect with us

News

Recupero ancora fatale, Salernitana sciupona: il Perugia al 90′ si prende il punto, Ventura in crisi

TABELLINO SALERNITANA-PERUGIA 1-1 

SALERNITANA (3-4-1-2): Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Kiyine (29’ st Lombardi), Akpa Akpro (30’ st Maistro), Di Tacchio, Lopez; Odjer; Djuric, Jallow(43’ st Cerci). A disp. Vannucchi, Cerci, Gondo, Kalombo, Pinto, Dziczek. All. Ventura

PERUGIA (4-3-2-1): Vicario; Rosi, Gyömbér, Sgarbi, Di Chiara; Falzerano, Balic (17’ st Melchiorri), Dragomir; Fernandes (40’ pt Kouan), Capone (25’ st Buonaiuto); Iemmello. A disp. Fulignati, Albertoni, Nzita, Rodin, Mazzocchi, Falcinelli, Buonaiuto, Nicolussi Caviglia. All. Oddo

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna (Lombardi/Palermo). IV uomo: Federico Longo di Paola.

NOTE. Marcatori: 10’ st Kiyine (S) su rig, 45’ st Buonaiuto (P); Ammoniti: Lopez (S), Capone (P); Angoli: 2-6; Recupero: 1’ pt – 6’ st; Spettatori: 9786 di cui 139 da Perugia. Ammonito Oddo (P) al 41’ st per proteste.

L’illusione di volare, le vertigini, una brusca caduta e l’amaro risveglio. È Salernitana-Perugia, ma potrebbe benissimo essere Salernitana-Frosinone. All’Arechi va in scena il copia e incolla della partita di venti giorni fa: i granata vanno avanti con il solito rigore di Kiyine, non chiudono la partita e incassano il pareggio del Perugia nel recupero. La squadra di Ventura sciupa l’ennesima occasione di fare un balzo in classifica e  si riscoprono in crisi. Due punti in tre partite, inizia la settimana di fuoco con un altro passo falso. Ai limiti tecnici di questa squadra si stanno aggiungendo i sempre più frequenti cali di concentrazione e in Serie B le disattenzioni non sono mai tollerate.

LA CRONACA. La prima di tre partite in sette giorni regala qualche sorpresa di formazione, con Ventura che può toccare solo il centrocampo e non ha paura di lanciare titolare Akpa Akpro un mese e mezzo dopo. Con lui c’è Di Tacchio e basta, perché Odjer gioca trequartista nell’inedito 3-4-1-2: panchina per Maistro (almeno inizialmente) e Dziczek. Il ghanese occupa un ruolo chiave, si mette a uomo su Balic e gli impedisce di costruire impedendo così al Perugia di proporre una manovra fluida. E gli effetti si vedono, perché il primo tempo scorre via tra noia e sbadigli. Non che la Salernitana faccia meglio degli avversari, anzi. Il giro palla è lento, solo gli spunti di Akpa permettono alla formazione di Ventura di alzare, saltuariamente, i ritmi. Errori più che qualità, prevedibilità più che fantasia: non è sicuramente la partita di cartello che alla vigilia ci si aspettava.

E infatti le occasioni latitano, soprattutto nel primo tempo. Il Perugia si schiera con il 4-3-2-1, modulo nuovo, ma va alla conclusione solo al 17’ quando Iemmello prima fa velo poi riceve da Capone e infine scarica sul primo palo. Bravo Micai a respingere a mano aperta. Par condicio, perché anche i granata hanno una sola occasione nel primo tempo, al 26’: lancio di Karo per Jallow che favorisce l’imbucata di Lopez, mancino strozzato. Il cavalluccio gioca soprattutto sulla banda sinistra di campo e così Kiyine non riesce a entrare in partita. Poi però al primo vero spunto del marocchino arriva il gol: sarà una coincidenza, ma quando si accende Kiyine la Salernitana gioca meglio. Dopo dieci minuti del secondo tempo, spinta dalla carica della curva che per i primi 45 minuti era rimasta in silenzio per Melissa e Antonio, la squadra di Ventura sfonda sulla destra e si guadagna il penalty. Kiyine fa partire l’azione e poi va a realizzare il gol dal dischetto, ma tutto è impreziosito dal colpo di tacco di Akpa Akpro che permette al capocannoniere granata di entrare in area ed essere atterrato da Dragomir.

Ventura esulta e poi guarda in panchina, fa passare una ventina di minuti e infine inserisce Maistro e Lombardi per dare freschezza al centrocampo. Lo spavento però arriva al 37’ quando Di Tacchio ingenuamente concede una punizione dal limite per il mancino di Di Chiara: ancora bravo Micai a respingere di pugno, poi Sgarbi fallisce il tap in e perdona la Salernitana. Sbaglia il Perugia, sbagliano anche i granata. Lombardi entra bene in partita e sul suo secondo cross di giornata Lopez sul secondo palo manca il colpo del ko. Grave errore. Nel finale entra Cerci, che perde il suo primo pallone toccato e spiana la strada al contropiede del Perugia. Sbaglia anche Odjer, segna Buonaiuto e Ventura deve incassare il secondo pareggio consecutivo all’Arechi nel recupero. L’1-1 è giusto, ma lascia ancora una volta il pubblico di casa con l’amaro in bocca. La Salernitana si conferma una squadra ancora immatura.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News