Connect with us

Giovanili

Pagellone Primavera: Micai dà sicurezza, Palmieri monumentale. Spettacolare Iannone

MICAI 7: Il voto dell’ex Bari dipende più dall’apporto tattico e morale che da quello tecnico. Il portiere granata infatti non si è distinto per chissà quali interventi, anzi si è sporcato i guantoni solo in un paio di occasioni durante il corso della gara, ma la sua voce è stata una presenza costante per i suoi compagni di squadra, che ha guidato in ogni singola mossa insieme e quasi più dell’allenatore, con consigli e indicazioni di ogni genere. Spettacolare il volo sulla punizione di Inguscio. Vulturar non fa una bella figura a cercare di sorprenderlo da centrocampo, vedendo il suo tentativo bloccato di petto in maniera quasi beffarda dall’estremo difensore mantovano.

GUZZO 7: Bella prova del terzino, sempre deciso in chiusura e ordinato nel riproporsi dopo la conquista del pallone. La sua fascia è blindata, anche grazie alla collaborazione con Arena che non gli fa mancare una mano nei raddoppi.

GILIBERTI 6,5: Costretto ad abbandonare il campo dopo poco più di mezz’ora, va via addirittura in ambulanza. Fino a quel momento non aveva avuto problemi a tenere sotto controllo Mancarella e Burnete (dal 36′ pt PERRONE 6,5: Entra bene in partita, anche se praticamente a freddo. Anche lui tiene bene la posizione e non corre particolari pericoli).

DI MICCO 7: Guida bene la difesa, a sua volta guidato dal proprio portiere. Pronto e determinato a mettere una pezza sulle incertezze, anche le proprie, e alla fine l’unico tiro subito verso lo specchio della porta avviene su calcio piazzato.

CIPRIANI 6,5: Tiene sempre molto attentamente la posizione, uscendo con i tempi giusti e trovando dei buoni anticipi e vincendo spesso i contrasti. Gli manca solo un pizzico di precisione appena recupera palla (dal 35′ st IDIOMA S.V.).

ARENA 6,5: Dal suo estro e dalla sua abilità tecnica ci si aspetta qualcosa di più nella metà campo offensiva, ma mette la sua qualità a servizio della squadra in quella difensiva, dando una mano a presidiare la fascia e nei disimpegni ripulendo tanti palloni scomodi, oltre a perdere difficilmente i contrasti sfruttando determinazione e baricentro basso.

PEZZO 6,5: Anche da lui sarebbe lecito aspettarsi qualcosa in più, anche se dal punto di vista difensivo la sua prova è quasi impeccabile. Chiude bene le linee di passaggio ed è pronto ad arrivare per primo sulle seconde palle o su quelle leggermente sbagliate e scomode per gli avversari. Quello che manca è la precisione nel pulire questo genere di palloni.

VISCONTI 6: Corre e si sbatte per aggredire i centrocampisti avversari, impedendogli di girarsi o di trovare pericolosi corridoi tra le linee, ma non riesce molto a proporsi con o senza palla (dal 1′ st DE IORIO 6,5: Sostituisce bene il suo corrispettivo, svolgendo gli stessi compiti e aggiungendo un po’ di iniziativa e di verticalità).

GUIDA 7: Prezioso anche quando non gioca al centro dell’attacco, grazie alla sua forza e alla sua tecnica mette in difficoltà Lemmens facendoci a sportellate sulla sinistra. Ancora una volta vede la propria infinità generosità ripagata. Non si arrende su una palla che sembrava destinata a essere spazzata via da Pascalau e sfrutta la sua ingenuità per anticiparlo e guadagnarsi un calcio di rigore che mette al sicuro il vantaggio granata (dal 35′ st CANNAVALE S.V.).

PALMIERI 7,5: Prova monumentale del piccolo attaccante granata. Nonostante la statura giganteggia contro i difensori avversari. Raramente si fa anticipare, coprendo palla alla perfezione e facendo salire la squadra. Guadagna una quantità spropositata di falli spalle alla porta, ma ancora di più sarebbero quelli che l’arbitro non gli concede. Sicuramente benedirà l’invenzione dei parastinchi, intanto la sorte lo premia con un gol meritatissimo (dal 30′ st BRUSCHI 6: Anche sul 3-0 Procopio non vuole rischiare nulla e inserisce un difensore in più, facendo scalare Guzzo a fare il terzo a destra. Anche invertendo l’ordine degli addendi il risultato non cambia, la difesa si comporta bene e la Salernitana tiene la porta inviolata).

IANNONE 8: Sembrava una giornata in cui la punta classe 2001 se ne stava abbastanza sorniona rispetto al solito. Poi con un tiro non troppo pericoloso si guadagna il rigore che lui stesso, come sempre, trasforma sbloccando la gara. Ringrazia la generosità di Guida e fa 2-0 con un altro penalty nella ripresa. Sfiora la tripletta volando da solo in contropiede, poi la centra con un gol che difficilmente dimenticherà, un arcobaleno perfetto che inizia dalla propria metà campo e atterra perfettamente nella porta lasciata sguarnita da Borbei.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili