Connect with us

Giovanili

Pagellone Primavera: male Guerra, Bammacaro rimedia. Grasso impatta la gara

DE MATTEIS 6: Non particolarmente impegnato. Il portiere granata si fa valere nelle uscite alte nonostante ne esca un paio di volte maltrattato, si becca un’ammonizione proprio per aver reagito a un fallo subito nella sua area piccola.

GAROFALO 6,5: Attento e concentrato per novanta minuti, dalle sue parti non si passa. Bravo anche nei contrasti aerei e nel disimpegnarsi dopo i recuperi della difesa.

MOTOC 6,5: Gioca con la sua solita tranquillità, forse troppa in alcuni casi in cui rischia provando costantemente a uscire palla al piede anche nel traffico, ma con sicurezza e sangue freddo riesce sempre a cavarsela.

GUERRA 5: Completamente fuori tempo nell’occasione che permette alla Ternana di tornare in parità. Eccessivamente timido e indeciso in molte occasioni che per sua fortuna gli avversari non riescono a sfruttare al massimo.

CIPRIANI 7: Blinda la sua fascia nella prima parte di gara. Nella seconda, quando la Salernitana è anche più propositiva, si proietta bene anche in avanti con delle ottime idee.

PALMIERI 7: La sua applicazione si vede fin da subito, quando duetta sulla fascia con Garofalo e Sabatino. Dopo meno di dieci minuti è lui a sbloccare la gara grazie a un bel taglio in area e alla spizzata vincente. Un problema però lo costringe a uscire dopo solo quaranta minuti (dal 40′ pt MARANGONI 6: Entra a freddo a fine primo tempo e anche se ha l’intervallo per scaldarsi ne è un po’ condizionato. Partita comunque ordinata la sua, soprattutto di sacrificio).

SABATINO 6,5: In mezzo al campo ringhia su tutti i palloni, poi non sempre fa la scelta giusta o è capace di pulire il ossesso ma fa sentire il suo peso. Avrebbe anche un assist se Currieri non avesse intercettato sulla linea il piazzato a botta sicura di Cannavale (dal 10′ st MILANO 5,5: Si spende molto, ma manca sempre quello spunto in più per ottenere qualcosa di buono. Lanari prova a metterlo in porta con un bel filtrante ma non aggancia, poi ci prova anche Cipriani ma stavolta interviene un difensore, rimangono comunque i buoni movimenti senza palla).

RUSSO 6,5: Pronti via si propone per la rimessa veloce e disegna il cross che Palmieri trasforma nell’1-0. Il resto della sua partita è fatto soprattutto di interdizione, dato che non viene mai lasciato libero di impostare. Recupera anche degli ottimi palloni, come quello che metterebbe la Salernitana tre contro due in contropiede, ma l’arbitro vede un fallo che lo fa uscire dai gangheri e si becca un’ammonizione per proteste.

BAMMACARO 7: Si è guadagnato il rigore del 2-1 con una scaltrezza da veterano, così come tante altre punizioni da ottime posizioni. Ma la giocata che più evidenzia il suo cuore è la chiusura in scivolata sulla propria bandierina del calcio d’angolo per impedire un cross di Manucci (dal 33′ st SIENA S.V.).

LANARI 6,5: Per lui non è semplice farsi vedere tra le linee, ma quando riesce a ricevere palla e a guardare la porta ha sempre buone idee. È molto diligente anche in fase di non possesso, alzando il pressing con i tempi giusti. (dal 33′ st VISCONTI S.V.).

CANNAVALE 6: Deve combattere contro due colossi e non sfigura, ma fatica anche tanto a essere l’appoggio che serve ai suoi compagni. Ha una buona occasione che si crea con una bella giocata dopo la disattenzione di un difensore, ma la spreca per la fretta. Poi ne ha un’altra clamorosamente negata dal salvataggio al limite dell’impossibile di Currieri (dal 10′ st GRASSO 7,5: Il cambio più indovinato dal vice di mister Procopio. Entra e praticamente spacca la partita. I suoi movimenti non sono mai facilmente leggibili per la difesa umbra, riesce costantemente a tenere palla e far salire i suoi, poi mette la parola fine alla gara con un gol da vero attaccante di razza, facendo esplodere la gioia di tutta la squadra che lo sotterra di affetto).

All. BUONOCORE 7: Certo non è suo il merito di aver selezionato l’undici più adatto, ma guida i ragazzi con autorevolezza e dà i giusti consigli mentre si sentono anche le strigliate di Procopio dalle retrovie. Il merito però ce l’ha per aver mandato in campo Grasso al momento giusto. Con la difesa della Ternana sfiancata dalla lotta sotto la pioggia, l’impatto della vivacità che ha portato l’attaccante granata è stato decisivo. Alla fine si prende una vittoria costruita con pazienza ed esperienza.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili