Connect with us

Calciomercato

Ora priorità attacco: tutto su Caprari e Bonazzoli, col sogno Simy…

Con la partenza di Giuseppe Fella, che sarà ufficializzato a strettissimo giro dal Palermo, nel ritiro di Cascia sono rimasti soltanto tre attaccanti a disposizione di Fabrizio Castori, di cui due (D’Andrea e Kristoffersen) destinati a partire verso categorie inferiori. Insomma, col mercato granata che ha cominciato a muovere i primi passi tra Zortea, Obi, Strandberg e il prossimo arrivo Ruggeri, è tempo di pensare anche al reparto avanzato. “Servono tre attaccanti”, aveva detto senza mezzi termini Fabrizio Castori al termine dell’amichevole col Foligno.

Il sogno Simy non tramonta

Il sogno resta Nwankwo Simy e la sensazione è che la Salernitana resterà attaccata all’obiettivo fino all’ultimo, perché proprio sul finire del mercato potrebbero sbloccarsi tante situazioni concatenate. Non è cambiato molto finora: il Crotone, proprietario del cartellino della punta classe 1992, vuole monetizzare e chiede 15 milioni per il giocatore. Cifra impossibile per il cavalluccio, ma alta anche per qualsiasi altra pretendente: il nigeriano è reduce da 20 nello scorso campionato, ma è pur sempre alla soglia dei trent’anni e, soprattutto, nel 2022 si libererà a costo zero per la naturale scadenza del contratto. L’ippocampo resta sull’uscio, pronto ad attendere che i pitagorici abbassino le pretese e magari una cessione definitiva della società che aprirebbe i rubinetti del nuovo proprietario. Oggi o tra qualche mese, magari con un prestito con obbligo di riscatto al verificarsi di determinate condizioni a metà (o fine) stagione. Si vedrà.

Feeling con la Doria

Sul taccuino di Fabiani, intanto, Federico Bonazzoli (foto in alto) è in cima alla lista degli obiettivi realistici. Con la Sampdoria i rapporti sono più che buoni e l’attacco di D’Aversa presenta diversi rami da sfrondare. In uscita potrebbe finirci l’ex Lanciano, che proprio in Abruzzo però era stato lanciato dal neo allenatore doriano. L’attaccante classe 1997, reduce da un’esperienza non esaltante al Torino, cerca riscatto ed in questi giorni viene valutato in ritiro al pari degli altri. Ci sono anche Torregrossa e La Gumina in uscita dai blucerchiati, ma Bonazzoli sarebbe – per caratteristiche – il preferito al momento. Non a caso il suo procuratore, Tullio Tinti, si è fermato a cena a Cascia con Castori e Bocchini qualche giorno fa dopo aver accompagnato in ritiro Zortea, altro suo assistito. Chissà che non si sia parlato proprio di Bonazzoli e… Cerri. Anche quest’ultimo – nato nel 1996, proprietà Cagliari – fa parte della scuderia Tinti, ma piace tanto anche al Como in B. I lariano potrebbero permettersi anche investimenti più cospicui e potrebbero garantire condizioni migliori.

Seconda punta, tutto su Caprari

Per il ruolo di seconda punta la Salernitana punterà tutto su Gianluca Caprari (’93), pure lui di proprietà della Samp, che negli ultimi due anni l’ha spedito in prestito prima a Parma, proprio con D’Aversa in panchina, e poi a Benevento. Per il gioco di Castori potrebbe essere l’ideale spalla di una prima punta forte fisicamente e si potrebbe ragionare in tal caso ancora in ottica prestito. Vale, però, il discorso fatto per Bonazzoli: l’allenatore dei blucerchiati vuol valutare ogni aspetto prima di dare il placet per il necessario sfoltimento del suo reparto offensivo.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato