Connect with us

News

Chi vuole la B e chi la rifugge. Spal: “Pronto ricorso se retrocederemo senza giocare”

Che chi dalla B vuol provare a scappare, chi la vuole agguantare a tutti i costi e chi è pronto a fare ogni cosa pur di evitarla. Tutti, sarebbero pronti ad adire le vie legali e a far valere le proprie ragioni in tribunale, nel caso in cui i campionati non terminassero sul campo. A seconda dei punti di vista, la Serie B potrebbe essere al centro di contenziosi fastidiosi che finirebbero inevitabilmente per macchiare quel che resta della stagione 2019/20 e influenzare pesantemente la prossima. È la paura più grande di Mauro Balata e degli altri presidenti cadetti, dopo chiaramente le perdite economiche che causerebbero un crollo del sistema. Ma presto può arrivare l’assist del Governo che nel “Decreto rilancio” prevede un punto dedicato alle “disposizioni processuali eccezionali per i provvedimenti relativi all’annullamento, alla prosecuzione e conclusione dei campionati”. In esso viene concesso alle federazioni il potere di annullare, proseguire o concludere i campionati, adottare classifiche finali, e organizzare le norme per la stagione 2020/21, centralizzando tutti i ricorsi in un unico grado presso il Collegio di garanzia dello Sport presso il Coni, eliminando così i primi due gradi di giudizio federali che bloccherebbero la burocrazia e paralizzerebbero il prossimo campionato.

In principio furono gli annunci del Frosinone di Maurizio Stirpe di qualche settimana fa (“Pronto a fare ricorso se il campionato si chiude e non ci danno la Serie A”, clicca qui per leggere l’articolo), seguiti dalle più recenti minacce dei club di Serie C che vorrebbero disputare quantomeno i playoff per potersi giocare le chances del salto di categoria: Bari, Reggio Audace (la vecchia Reggiana) e altre, come la Ternana, hanno già annunciato di voler impugnare la decisione della Lega Pro di concedere la quarta promozione al Carpi con il criterio della media punti (che dovrà in ogni caso essere ratificata dal consiglio federale). Ora, ecco anche la voce della Spal. “Dovessero farci retrocedere a tavolino faremo tutti i ricorsi possibili”, tuona il presidente Walter Mattioli. La compagine ferrarese è attualmente penultima nel campionato di Serie A e vorrebbe provare a mantenere con le unghie e con i denti la categoria. “Stiamo lavorando per tornare in campo. Non dovesse accadere, logico che ti brucia se ti dicono che sei penultimo e devi retrocedere senza poter giocare. Noi siamo pronti a giocarcela fino in fondo, stiamo bene mentalmente e crediamo di potercela fare. Se ci fossero le condizioni ci siamo, ma la B a tavolino non l’accetteremmo passivamente”, ha aggiunto.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News