Connect with us

News

Mezzaroma a Liratv: “Soddisfatto dell’avvio, presto per obiettivi. Infortuni? Calciatori sono macchine sofisticate”

Il co-patron della Salernitana è “moderatamente soddisfatto di come si sta esprimendo la squadra: del resto, siamo secondi”. Marco Mezzaroma è intervenuto questa sera sulle frequenze di Liratv, nel corso di Goal su Goal, trasmissione condotta da Alessandro Ferro, per dire la sua sul momento attuale dei granata. “Al di là dei risultati le prestazioni ci confortano, ricordiamo che questi ragazzi stanno tirando la carretta nelle primissime partite, con poche alternative a causa degli infortuni e di chi deve ancora entrare al 100% in forma. Io sono soddisfatto, spero lo siano anche i tifosi. Se c’è comunione di intenti, con l’equilibrio che ci deve sempre essere, questa squadra potrà far bene. Il gruppo merita fiducia”, ha esordito il costruttore romano. Già, gli infortuni. Mezzaroma sbotta: “Per forza deve essere colpa di qualcuno o dei campi? Molti di loro hanno subito infortuni traumatici”. Per la verità, i problemi traumatici riguardano soltanto Jallow e Billong. Quest’ultimo, si infortunò prima dell’inizio del campionato “mettendo il piede in una buca sul campo del Mary Rosy”, a detta di Gian Piero Ventura. Mantovani è fermo da luglio per un problema serio e rimediato – a onor di cronaca – in attività diverse da quelle svolte con la Salernitana, mentre si tratta di infortuni muscolari per Heurtaux, Akpa Akpro e Lombardi. “Stiamo parlando di macchine di Formula Uno, ogni atleta è sofisticato, in quanto tale è delicato. Ognuno reagisce al recupero in maniera diversa. Alcuni venivano da periodi di inattività, quindi il dosaggio nei carichi di lavoro è un punto importante. Ma io ripongo massima fiducia nello staff tecnico e in quello sanitario, non è solo la Salernitana ad essere colpita dagli infortuni, fanno parte del gioco”, ha aggiunto il co-patron del cavalluccio marino.

Poi, uno sguardo alle ambizioni di una Salernitana che è seconda in classifica. con qualche rimpianto, pure: “E’ ancora troppo presto per dire dove andrà questa squadra. I tifosi hanno tutto il diritto, anzi il dovere di sognare. Però obiettivamente il campionato è appena iniziato, è lunghissimo ed è molto difficile. Vediamo comunque che le altre squadre che erano state accreditate tra le favorite, ad inizio campionato, sono in difficoltà. Come dice giustamente mister Ventura, dobbiamo proseguire questo percorso di crescita, cercando sempre di alzare l’asticella: come al solito poi i cavalli buoni si vedono alla fine. La gente dice che non vogliamo andare in Serie A? Mi sono francamente stancato di rispondere”.

Salerno aspetta il vero Cerci. “Adesso sta lavorando con grande impegno e dedizione. E’ stato fermo un periodo lungo, a questi livelli si paga questa staticità. Ha bisogno di resettarsi e il mister Ventura è quello lo conosce più di tutti, lo sta piano piano portando alla condizione ottimale, soprattutto negli alimenti. Sono moderatamente ottimista, perchè sono curioso di vedere questa squadra quello che potrà esprimere quando avrà organico pieno” dice Mezzaroma, prima di rispondere alle riflessioni di qualche telespettatore che ha imputato alla società il fatto di non aver ingaggiato, in questi anni, attaccanti da doppia cifra: “Basta che facciano gol e punti, il resto non mi importa. Se segna il portiere… mi interessa poco l’attaccante da 20 gol. Tiriamo poco in porta? Stranamente siamo secondi, pur tirando poco. Immagino che quando tireremo molto, saremo più avanti. Ognuno può dire quello che vuole, non abbiamo la controprova”, le affermazioni di Mezzaroma, non senza un filo di ironia.

Infine, c’è chi da casa chiede di seguire il modello Atalanta: “Un modo di fare calcio che mi piace molto, oculato e senza il passo più lungo della gamba. Investe moltissimo sui giovani, quello che stiamo cercando di fare anche noi, quest’anno abbiamo l’età media più giovane della categoria: a Ventura piace lavorare coi giovani, scoprirne di nuovi e farli crescere. Un modello che si raggiunge con il tempo, con progressi continui, con coesione dell’ambiente, con le strutture”.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News