Connect with us

News

Lunedì la ripresa al M. Rosy con vista su Ascoli. Attacco impalpabile, urge lavorare su idee diverse

Due giorni di riposo per la Salernitana. Dopo la sconfitta di ieri sera contro il Benevento, al gruppo sono state concesse quarantotto ore di libertà per provare a resettare tutto. La preparazione della squadra riprenderà lunedì pomeriggio al Mary Rosy alle 15 (ovviamente a porte chiuse come di consueto), stando a quanto comunicato dalla società. Gregucci dovrà valutare le condizioni degli acciaccati Djuric, Akpa Akpro e Odjer in vista della gara contro l’Ascoli in programma sabato 16 febbraio alle 18 allo stadio Del Duca.

Sarà una settimana a metà tra la psicologia e la tattica. “Dobbiamo aggiustare un po’ i piedi e un po’ la testa“, la sintetica ricetta fornita ieri da Gregucci. Oltre a toccare le giuste corde dal punto di vista mentale, il tecnico avrà il compito di testare anche soluzioni alternative al 3-4-2-1 proposto consecutivamente nelle ultime cinque partite. Se il suo commento post-partita, del resto, continua ad essere sempre lo stesso (“Bisogna migliorare negli indici di pericolosità”), va da sé che urge trovare una soluzione. Non necessariamente un cambio modulo ma anche una modifica nei singoli, visto che appare evidente che l’impiego simultaneo dei due Anderson dietro all’unica punta Jallow non ha fornito gli effetti sperati, se non a Palermo, sotto certi aspetti. Giocarsi altre carte (Rosina, Mazzarani, Di Gennaro, Orlando) oppure pensare a un 3-4-1-2, un 3-4-3. Un modulo leggermente diverso. Ipotesi, questa, che non sembra trovare però grandi riscontri, almeno al momento, visto che Gregucci si è detto soddisfatto della prestazione dei suoi dal punto di vista dell’idea di gioco.

All’orizzonte c’è l’Ascoli. L’anno scorso, più o meno di questi tempi, la Salernitana perse in casa contro il Parma e scoppiò la contestazione di (pochi) ultras all’esterno della tribuna. Cori contro la proprietà e il diesse, proprio come accaduto ieri sera, con in corpo la rabbia di un filotto di cinque gare che avevano portato in dote un misero punticino. La settimana dopo, con tanto di lunga clausura nelle Marche, la Salernitana sarebbe andata a fare visita proprio ai bianconeri, vincendo con un perentorio 1-3. Mancavano 13 gare alla conclusione, stavolta quattordici. Gli appassionati granata sperano che la coincidenza possa ripetersi.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News