Connect with us

News

Le statistiche: fase difensiva e offensiva da migliorare. E le palle inattive…

Non sarà certamente un esordio facile per Davide Nicola contro un Milan che arriva all’Arechi (momentaneamente) da capolista.

Il tecnico piemontese, dopo aver rilevato Stefano Colantuono, dovrà cercare di migliorare sin dalla sfida coi rossoneri la fase difensiva: con 53 reti incassate, la Salernitana è la terza peggior difesa nei 5 maggiori campionati europei in questa stagione. Hanno subito più gol dei granata soltanto Bordeaux (61) in Francia e Greuther Fürth (57) in Germania. Di fronte, però, ci sarà il Milan che ha segnato almeno due reti in ciascuna delle 5 gare disputate in serie A contro la Salernitana. Anche a livello offensivo ci sarebbe parecchio da lavorare: solo il Norwich (14) in Premier League ha realizzato meno gol della Salernitana (17). Queste sono solo alcune delle curiosità e statistiche a cura di Opta e rilasciate nel Match Preview di Salernitana-Milan.

Il cavalluccio va a segno da 3 partite consecutive e potebbe sfruttare le palle inattive per far male alla prima in classifica; difatti più della metà dei goal segnati dalla Salernitana (9 su 17), sono arrivati proprio sfruttando queste situazioni. Dall’altra parte c’è il Milan, che ha subito quasi la metà dei gol su palla inattiva (11 su 26), uno in meno rispetto alla Salernitana (12).

La differenza sulla carta è netta: una grande squadra come il Milan sa anche leggere bene le fasi della partita, al cospetto di una Salernitana, che in quanto neopromossa, ha trovato (fino a questo momento) difficoltà nel mantenere alta la concentrazione per tutti i 90’ di gioco. Non a caso, solo la Lazio (11) ha segnato più reti del Milan (10) nei primi 15 minuti di gioco in questo campionato, dall’altra parte la Salernitana è sia la squadra che ha realizzato meno gol (solo uno) in avvio di gara, sia una delle due, al pari dell’Empoli, con più gol subiti nel primo quarto d’ora di gioco (entrambe 10). Per quanto riguarda la fase finale del match, Il Milan sa rendersi pericolosissimo soprattutto negli ultimi 30 minuti di gioco, con 20 gol messi a segno. La compagine granata invece è quella che ne ha realizzati meno (sette) nell’ultima mezz’ora di gioco.

Analizzando i singoli, è sicuramente interessante il dato che riguarda Franck Ribery: l’ultimo gol in Serie A del francese è arrivato proprio contro il Milan nel marzo 2021: da allora il fantasista della Salernitana ha giocato 22 partite consecutive senza andare a segno e solo una volta nei cinque grandi campionati europei ha registrato un digiuno di reti più lungo: 24 tra luglio 2020 e gennaio 2021 con la maglia della Fiorentina.

Su sponda Milan, occhi puntati su Rafael Leao, trascinatore indiscusso dei rossoneri. Il portoghese è partito fortissimo in questo 2022, prendendo parte a otto gol in otto match ufficiali (cinque reti e tre assist); l’esterno del Diavolo, potrebbe segnare in tre match di fila per la prima volta con questa maglia, considerando tutte le competizioni. Tuttavia, Leao è rimasto a secco di gol in ciascuna delle ultime sette partite di campionato contro avversarie neopromosse (la sua ultima marcatura contro queste squadre risale a gennaio 2021, contro il Benevento).

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News