Connect with us

News

La Salernitana non è in serata, il Benevento è troppo forte: Viola-Sau, il derby va alle streghe

TABELLINO SALERNITANA – BENEVENTO 0-2 

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo (13’ st Kalombo), Migliorini, Jaroszynski; Cicerelli, Odjer (26’ st Maistro), Di Tacchio, Firenze, Kiyine; Jallow (26’ st Cerci), Giannetti. A disp. Vannucchi, Lopez, Djuric, Gondo, Morrone, Pinto, Dziczek. All. Gian Piero Ventura

BENEVENTO (4-4-2): Montipò; Maggio, Volta, Caldirola, Letizia; Insigne (31’ st Improta), Hetemaj, Viola (48’ st Del Pinto), Tello;  Coda, Sau. A disp. Manfredini, Gori, Rillo, Kragl, Tuia, Basit, Gyamfi, Di Serio, Antei, Vokic. All. Filippo Inzaghi

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta (Raspollini /Margani). IV uomo: Giacomo Camplone di Pescara

NOTE. Marcatori: 16’ st Viola (B), 20’ st Sau (B); Ammoniti: Jallow, Di Tacchio, Giannetti (S), Insigne (B); Angoli: 4-6; Recupero: 1’ pt – 5′ st; Spettatori: 18003 di cui 1522 da Benevento

A volte nel calcio vince semplicemente chi è più forte. C’erano tante aspettative per questo derby, ma la Salernitana non è riuscita a regalare ai 18mila dell’Arechi una prestazione di coraggio e qualità. E se contro chi è più forte si gioca male, è impossibile fare punti.  Va al Benevento il Monday night della terza giornata, le streghe vincono 2-0 e scavalcano la Salernitana in classifica che aveva sognato (forse troppo) in queste due settimane e invece adesso si ritrova a fare i conti con la realtà. E la realtà dice che in questo campionato ci sono squadre più forti, per poter giocare alla pari bisogna spingersi oltre il limite. E questa sera la squadra di Ventura non lo ha fatto. Segnano Viola e Sau nel secondo tempo, il tecnico granata deve incassare anche l’infortunio di Karo. Sorrisi invece per Cerci, una ventina di minuti utili per riassaporare il campo. In tribuna presente, oltre al governatore della Campania Vincenzo De Luca, anche lo stato maggiore della Salernitana con Lotito e Mezzaroma. A fine gara applausi comunque dalla Curva, di nuovo sold out quattro anni dopo. Proprio nel giorno in cui il cavalluccio ritrova i suoi tifosi, arriva la prima sconfitta in campionato. Ma non si parli di “pressioni dell’Arechi”, non anche in questa stagione.

LA CRONACA. Rinfrescata da un leggero venticello anche sorprendente nonostante siamo a settembre inoltrato, si respira subito aria di derby. La partita inizia tra falli e nervosismo, con l’arbitro che mantiene (almeno all’inizio) i cartellini nel taschino ma fatica a mantenere tranquilli gli animi. Fino a che il solito Coda salta in mezzo a due, riceve da Insigne e dal limite spara alto aprendo di fatto la partita. La Salernitana prova a occupare gli spazi con il possesso palla, facendo girare il pallone da destra a sinistra. Il 3-5-2 di Ventura è armonioso, ma è pura illusione perché durerà poco. Sin dai primi tocchi si palesano difetti tecnici, soprattutto Di Tacchio non riesce mai far girare il gioco con pulizia e in tempi rapidi. Il capitano granata è il vertice di una mediana che comprende anche Odjer (spento) e Firenze (nullo) mentre l’unico che sembra in giornata è Kiyine che quando punta Maggio lo salta con regolarità. Il Benevento di Inzaghi è tranquillo, si mette dietro la linea della palla e aspetta che passi il vento. Il 4-4-2 delle streghe è compatto e ricco di qualità. Coda svaria su tutto il fronte di attacco, seguito da vicinissimo da Sau che quando deve difendere sta a uomo su Di Tacchio. La regia è affidata a Viola e il suo mancino è di un’altra categoria.

Quando il Benevento comincia ad avere coraggio, prende in mano la partita e la va vincere. Anche se il primo tempo è brutto e non ci sono occasioni. Con il passare dei minuti la squadra di Inzaghi fa salire il baricentro, mette le tende nella metà campo granata e inizia a fare paura a Micai. Al 34’ Di Tacchio perde palla, Coda serve Insigne ma il mancino è poco preciso. Spavento maggiore invece per il destro di Letizia dalla distanza, potente e vicinissimo al palo. Il primo tempo della Salernitana è poca roba. Molte responsabilità vanno anche a Jallow, nel momento più difficile la squadra si appoggia al gambiano per cercare di uscire dalla pressione e respirare, ma il numero 10 granata non riesce mai a tenere il pallone. Nel secondo tempo uscirà tra i fischi, comunque ingenerosi.

Dall’intervallo la squadra di Ventura rientra sicuramente in campo con più determinazione, ma la retroguardia è troppo distratta. Il Benevento approfitta e in cinque minuti vince il derby. Dopo l’infortunio di Karo (entra Kalombo, emergenza in difesa per il tecnico granata) e i due colpi di testa di Giannetti poco incisivi, la squadra di Inzaghi fa due tiri e due gol. Al 16’ Letizia batte corto un corner, Viola entra in area indisturbato e col mancino a giro batte Micai. Quattro minuti dopo l’imbucata di Maggio lancia in porta Sau, il talento sardo segna e festeggia sotto il settore ospiti. Nei due gol protagonista anche Insigne che festeggia prima rivolgendosi al settore distinti e poi prendendo a calci un cartellone pubblicitario. Si prende il giallo.

L’ingresso di Cerci non cambia il volto di una Salernitana che fa un passo indietro rispetto alle prime due gare di campionato. L’avversario di oggi è sicuramente uno dei più ostici di tutto il campionato, ma era comunque lecito aspettarsi qualcosina in più. Delusi i 18mila dell’Arechi, ma a Via Allende si è finalmente respirata un’aria diversa, di fiducia e speranza. Nel calcio si può ripartire anche dalle sconfitte.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News