Connect with us

News

In 750 fanno “tremare” gli spalti: al Penzo una bolgia granata oltre il… 95esimo

La bolgia scoppia nel recupero ed è subito “Ci devi credere”. La Salernitana vince allo scoccare del 95esimo un match importantissimo e fa esplodere i circa 750 sostenitori nel settore ospiti, guadagnando l’applauso e l’abbraccio virtuale finale al Penzo. Abbracci anche in campo, tra giocatori, staff. Tutti uniti sotto la stessa curva e con la stessa gioia di quel playout nel 2019.

Il gemellaggio

I led che si illuminano a ritmo di musica e di voce dello speaker che annuncia le formazioni, tanto affetto tra tifoserie e reciproci cori a confermare il grande rapporto: “Grazie Venezia” dal settore ospiti, poi “rispettiamo chi ci rispetta”. La serata veneziana era cominciata così. C’è un solido gemellaggio tra tifoserie, rinsaldato anche durante la giornata nei caratteristici vicoli della città. Prima del match, alcuni gruppi ultras granata si sono incontrati con i colleghi lagunari in un noto ritrovo per brindare insieme.

Né Fabiani, né Marchetti

La Salernitana è stata accompagnata a Venezia solo dal club manager Alberto Bianchi e dal segretario Massimiliano Dibrogni, oltre che da Sasà Avallone. Assenti Mariano Fabiani e l’amministratore Ugo Marchetti, che pure sembrava potesse essere presente al Penzo. Sugli spalti veneti anche il consigliere comunale ed ex assessore allo sport salernitano, Angelo Caramanno. Tra gli addetti ai lavori, presenti Massimo Mariotto, ex direttore sportivo della Salernitana che risiede in Veneto, e l’ex ds della Cremonese e della Paganese, Antonello Preiti. Alla fine della gara, con le squadre già negli spogliatoi, dal settore ospiti si è comunque levato forte e chiaro un coro contro il direttore sportivo Fabiani, invitato caldamente ad andarsene.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News