Connect with us

News

Ederson pensa in grande: “Sogno la Seleçao. Futuro? Parlo col club e gli agenti…”

Tra i calciatori della Salernitana ad avere grande mercato dopo essere stato tra i principali protagonisti della missione salvezza, Ederson è in rampa di lancio e le voci su un interesse del PSG non sono una novità. Il brasiliano è stato intervistato anche a questo proposito dalla redazione francese di Foot Mercato.

Sono molto felice di aver raggiunto l’obiettivo – ha spiegato il centrocampista granata – Quando mi è stato offerto di venire qui, alla Salernitana, c’era la questione del mantenimento della categoria. Siamo riusciti a ottenerlo. Sono felice di aver portato a termine questa missione. Era la realtà del club, il nostro obiettivo. Penso che sia il risultato del lavoro e della mentalità dei giocatori. Io per esempio sono arrivato con la voglia di vincere le partite, di fare punti. Ci siamo concentrati su quello, ci siamo riusciti. Nicola? La Salernitana ha ingaggiato anche un allenatore abituato a questo genere di sfide. Lui è molto positivo, è riuscito a trasmetterci tutto questo, siamo riusciti a mettere insieme vittorie, è stato fondamentale. Nicola ha un’aura incredibile, è solare, trasmette sempre energia positiva, qualunque siano i risultati. Non voleva parlare di risultati. L’importante per lui è il lavoro, sapeva che avremmo raccolto i frutti. Abbiamo iniziato dal nulla, ma lui ci ha detto che eravamo sulla strada giusta, ci ha trasmesso la sua energia positiva. Siamo stati in grado di capirlo e mettere in pratica i suoi concetti in campo“.

Il talento scoperto da Sabatini commenta anche l’ambientamento in Italia: “Mi sono adattato molto bene. Mi è stato chiesto di cosa avessi bisogno quando sono arrivato, con la mia famiglia. Sono arrivato con mia moglie e mia figlia, tutto questo mi ha aiutato a orientarmi rapidamente. Essere accompagnato mi ha aiutato molto, soprattutto quotidianamente. Oltre al dialogo con il club. Non parlo ancora italiano completamente, ma riesco a cavarmela, capisco molte cose. Sono arrivato solo tre mesi fa, ho ancora dei progressi da fare, ma me la sto cavando. Quando sono arrivato qui, non ho pensato molto al mio adattamento, ho pensato principalmente a me stesso, al mio gioco, alle mie statistiche, ad aiutare la squadra a uscirne. Volevo solo fare meglio di quello che stavo facendo in Brasile. Volevo andare oltre. La mia stagione è stata buona, viste le mie statistiche, oltre al traguardo raggiunto“.

Ad aiutare non solo lui nello spogliatoio è stata anche l’influenza di un campione come Franck Ribery: “Andiamo molto d’accordo. Capisce tutto quello che può vivere un giovane giocatore che cambia completamente la sua realtà. Ci ha parlato molto, ci ha fatto sentire a nostro agio, gli piace anche il calcio brasiliano. Mi ha detto che sapeva di cosa fossi capace. Mi ha spinto molto, mi ha fatto i complimenti. Vuole che vada lontano, mi dice che sarebbe orgoglioso di vedermi vincere molte cose in futuro. Mi ha detto che tra un anno o due, quando interromperà la sua carriera, vuole venire a vedermi vincere titoli. Franck è sempre lo stesso, è divertente. Toglie molta pressione agli altri giocatori, soprattutto nella situazione in cui si trovava il club, sa come rilassare gli altri giocatori, ne ha passate tante. Con il suo carisma e il modo in cui parla alle persone, ha sempre giocato quel ruolo nella stagione, alleviando gli altri da quella pressione“.

E adesso Ederson è sotto le luci della ribalta, ma non ha voluto pensarci finora, prima di portare a termine la stagione. Il brasiliano non ha fretta, la sua ambizione è crescere un passo alla volta: “Sono molto felice di vedere riconosciuto il mio lavoro. Il futuro? Lascio sempre tutto questo nelle mani dei miei agenti. Vengono a trovarmi solo per cose davvero concrete: ho sentito le voci, ma non mi lascio disturbare. La cosa più importante è  il campo. Quando c’è qualcosa di concreto, quando c’è bisogno di me, di una mia decisione, allora mi metto in gioco. Il PSG? Mi ha fatto piacere leggerlo, è un riconoscimento per il mio lavoro, ne ho parlato con i miei rappresentanti quando è uscito, ma ho chiesto di concentrarmi sulla fine della stagione, con la salvezza da cercare, soprattutto quando la finestra di mercato era ancora lontana. Questa settimana tornerò in Brasile, parlerò con i miei agenti, vedremo cosa è vero o meno, se ci sono già offerte o meno. Il PSG è un club gigantesco, che punta a grandi cose, come la Champions. Hanno riportato grandi giocatori nella loro rosa, ho molto rispetto e ammirazione per questo club. Sto aspettando di vedere se ci sarà qualcosa di ufficiale. È gratificante vedere questo tipo di club interessati a te, qualunque sia il risultato. Devi stare dritto, lavorare sodo, ripaga sempre, ti permette di andare oltre, di raggiungere nuovi livelli. Spero che succedano altre cose belle in modo che la mia carriera vada ancora oltre. Se penso anche alla nazionale? Lavoro per questo, anche se non ne sono ossessionato, la Seleção è il riconoscimento e la ricompensa per il lavoro. La prossima stagione, forse ci penserò un po’ di più. Passo dopo passo, cerco sempre di andare un po’ oltre per evolvere nella mia carriera. Non so se tutte queste voci siano vere. Vedremo questa estate. Dovremo parlare anche con la Salernitana, decideremo insieme, con il mio staff e con la Salernitana. Non vado di fretta. Il resto lo vedremo più avanti“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News