Connect with us

News

Dziczek, il suo ex medico sociale: “Un altro giocatore ha avuto problema simile”

Patryk Dziczek resta sotto osservazione. Il centrocampista polacco, dopo il malore accusato sabato pomeriggio al ‘Del Duca’ di Ascoli, sarà dimesso dall’Ars Biomedica di Roma tra oggi e domani. Potrà, dunque, tornare a casa ma resterà sotto osservazione e dovrà – chiaramente – interrompere l’attività sportiva per sottoporsi a periodici accertamenti clinici (clicca qui per leggere l’articolo).

Nelle scorse ore Slawomir Zdonekin passato medico sociale del Piast Gliwice – squadra in cui ha militato Dziczek prima di approdare in Italia – è stato intervistato dal portale polacco Interia. Il medico ha spiegato: “Patryk ha sempre superato i test medici senza difficoltà. Credo che questa situazione sorprenda anche i colleghi italiani. Aspettiamo gli esiti delle indagini, potrebbe trattarsi anche di un sovraccarico, visto che il giocatore è entrato in un regime di allenamento completamente diverso e sicuramente più intenso”.

Infine Zdonek ha raccontato di un precedente che può far ben sperare, per l’epilogo, che anni fa ha riguardato un altro calciatore della compagine polacca: “Anche in quel caso c’erano stati ripetuti ed insoliti svenimenti. Dopo un accurato percorso diagnostico, si scoprì che l’atleta aveva problemi cardiaci. È stato portato in un noto centro, dove ha subito un piccolo intervento chirurgico. Come Patryk, aveva meno di 25 anni. Dopo l’intervento, è tornato a giocare senza problemi. Spero nel lieto fine anche stavolta”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News