Connect with us

News

Diritti tv, cordialità Lega B-Dazn: ultima rata sarà saldata solo in caso di ripartenza

Mentre per la Serie A il braccio di ferro con le emittenti per la grana dei diritti televisivi è decisamente più forte, nonché delicato, vista l’importanza delle cifre in ballo (oltre 250 milioni complessivamente), la Lega B prova un approccio più soft alla questione, meno guerrafondaio, con l’esclusivista DAZN e con la Rai, che detiene l’esclusiva dei diritti radiofonici nazionali e la possibilità di trasmettere in diretta l’anticipo del venerdì in chiaro. Il perché è dato sicuramente dalla maggiore incertezza che non consente di ipotizzare, ad oggi, scenari precisi, ma anche dai numeri decisamente inferiori in gioco.

Come riporta l’odierna edizione di TuttoSport, infatti, resta una sola data da saldare per DAZN nei confronti della Lega B, quella relativa al bimestre maggio-giugno, pari a 4,3 milioni da dividere per le venti società iscritte al campionato. La rata di marzo-aprile, infatti, era stata addirittura anticipata, anche se in realtà poi la piattaforma non ne ha tratto beneficio perchè il campionato si è giocoforza fermato. Le parti non vogliono affatto litigare, anzi. Si sono lasciate con una cordiale attesa e disponibilità totale: se si riprenderà a giocare, la rata sarà saldata, mentre in caso contrario sarà la Serie B a rinunciare alle spettanze. Sempre secondo quanto si legge sul quotidiano sportivo torinese, invece, Balata non ha ancora affrontato il discorso con “mamma Rai”, sia per l’esiguità delle cifre in ballo, sia per attendere decisioni definitive sulla prosecuzione o meno del torneo, anche in ottica prospettica sulle annate future.

Il totale stagionale che la Serie B intasca dai diritti tv-radio è di 26 milioni, di cui 22 corrisposti da DAZN e 4 dalla Rai (compresi i diritti radio). Gli accordi siglati dalla presidenza Balata sono validi fino a giugno 2021 e già dalla prossima stagione sportiva inizieranno le manovre per la rinegoziazione e l’assegnazione del triennio 2021-2024. A questi ricavi, vanno aggiunti anche quelli generati dalle tv locali che scelgono di acquistare i pacchetti studio-stadio di non esclusiva per poter trasmettere – ad esempio – le interviste in diretta dalla sala stampa e beneficiare degli highlights prodotti dalla Lega B, mentre i diritti radiofonici di esclusiva con le emittenti locali vengono negoziati (e incassati) direttamente dalle società stesse che possono fare accordi commerciali di vario genere.

Tornando alla questione Covid-19 e stop forzato al campionato, la Salernitana e gli altri club sanno bene che gli introiti derivanti da diritti televisivi che salterebbero in caso di addio definitivo alla stagione corrente, andrebbero relativamente a intaccare in modo negativo i bilanci. Come qualche giorno fa ha spiegato il quotidiano Il Mattino, infatti, il 75% della torta dei diritti televisivi va suddivisa in parti uguali, mentre il restante 25% è la parte variabile per i club e dipende diversi parametri, tra cui risultati sportivi, blasone del club, iniziative collegate ai calciatori cosiddetti convocabili, minutaggi di giovani e investimenti sull’impiantistica sportiva. Nel dettaglio, per la Salernitana all’orizzonte si profilerebbe un’entrata di circa 400mila euro. Cifra assolutamente non da buttare – ci si paga un top player di categoria per un’annata oppure due buoni stipendi stagionali – ma che sarebbe comunque più o meno quella che si andrebbe a spendere per sanificazioni, tamponi, controlli sanitari di vario genere, oltre che trasferte e quant’altro, nel caso in cui si dovesse riuscire a portare a termine il campionato.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News