Connect with us

Serie B

Contibuto solidaristico a carico delle neo retrocesse, Empoli e Chievo dicono no e fanno ricorso

Non ci sono ancora stati scossoni, solo il Palermo non si è riuscito a iscrivere al campionato di B ma tutto sommato sembra un’estate tranquilla. Ma i tribunali lavorano sempre e il calcio si gioca ormai sempre più dietro le scrivanie. E allora è sempre ricorso. Il Collegio di Garanzia ne ha ricevuto uno da Chievo ed Empoli, che citano la Lega B per averle obbligate “al momento della loro iscrizione al Campionato ed all’adesione alla Lega stessa, a provvedere al pagamento del Contributo solidaristico a carico delle neo retrocesse in serie B”. Così si legge sul comunicato ufficiale apparso sul sito del Collegio. Che poi chiarisce le richieste delle due società: illegittimità della pretesa della Lega B e quindi di annullamento immediato delle relative deliberazioni. Ora toccherà all’organo del Coni prendere la parola, in un’estate sicuramente più tranquilla ma comunque sempre in movimento.

Questo il comunicato integrale: “Il Collegio di Garanzia ha ricevuto un ricorso dalla società A.C. Chievo Verona S.r.l. ed Empoli F.C. S.p.a. contro la Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNPB) per la declaratoria dell’illegittimità della pretesa della LNPB di obbligare le società ricorrenti, al momento della loro iscrizione al Campionato ed all’adesione alla Lega stessa, a provvedere al pagamento del “Contributo solidaristico a carico delle neo retrocesse in serie B,  come disciplinato dal Capo I, art. 3, e come ripartito secondo quanto previsto dal Capo II, art. 7, del Codice di Autoregolamentazione e quindi avverso la validità e per la declaratoria di nullità/annullamento/inefficacia, ed in ogni caso per la privazione di effetti, di quanto previsto dagli artt. 3, Capo I, art. 7 Capo II, del Codice di Autoregolamentazione LNPB e delle relative deliberazioni che hanno introdotto dette previsioni, nonché di tutti gli atti e provvedimenti alla stessa antecedenti e/o conseguenti, presupposti, collegati e/o consequenziali, anche ove non conosciuti dalle società ricorrenti.

Le società ricorrenti chiedono al Collegio di Garanzia l’accoglimento del presente ricorso con declaratoria:

  • della illegittimità della pretesa della LNPB di obbligare le società ricorrenti, al momento della loro iscrizione al Campionato ed all’adesione alla Lega stessa, a provvedere al pagamento del “Contributo solidaristico a carico delle neo retrocesse in serie B”, come disciplinato dal Capo I, art. 3, e come ripartito secondo quanto previsto dal Capo II, art. 7, del Codice di Autoregolamentazione LNP Serie B;
  • di nullità/annullamento/inefficacia, ed in ogni caso per la privazione di effetti, di quanto previsto dal Capo I, art. 3, e dal Capo II, art. 7, del Codice di Autoregolamentazione LNP Serie B, delle relative deliberazioni che hanno introdotto dette previsioni, nonché di tutti gli atti e provvedimenti alla stessa antecedenti e/o conseguenti, presupposti, collegati e/o consequenziali, anche ove non conosciuti dalle Società ricorrenti”. 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in Serie B