Connect with us

News

Cons.Federale, Lotito al Tar per evitare decadenza? Intanto il 22 c’è voto Figc: Gravina per la B a 20

Claudio Lotito e l’ineleggibilità al Consiglio Federale Figc. Il co-patron granata ha l’ok della Corte d’appello federale ma non del Collegio di Garanzia del Coni che ha bocciato la sua posizione (clicca qui per leggere) interpretando la legge numero 8 del 2018, quella sui mandati, introdotta lo scorso febbraio: chi ricopre ruoli all’interno di Coni, federazioni, discipline associate ed enti di promozione o semplicemente come dirigente sportivo, non può superare i tre mandati. L’Imperatore Claudio sarebbe dunque fuori e pare stia pensando addirittura di ricorrere al Tar del Lazio. Frattanto, il 22 ottobre ci sarà l’importante elezione del nuovo presidente federale: i lotitiani sono in minoranza, visto che non appoggiano la candidatura di Gabriele Gravina, attuale numero uno della Lega Pro, che avrebbe il 63% dei consensi. Chissà se Lotito tirerà fuori dal cilindro un nome in grado di rosicchiare voti a Gravina, in questi ultimi giorni. Potrebbe – secondo Repubblica – accontentarsi di un ruolo di consigliere di Lega Serie A per resettare le cariche federali e ripartire con più calma.

Gravina promette numerosi cambiamenti nel prossimo biennio del calcio, dopo il commissariamento Fabbricini. Tra chi gli manifesta appoggio ci sono ovviamente la Serie C, che conta per il 17%, ma anche la Lega Dilettanti (34%), l’Assoallenatori (10%) e l’Aia (2%). Serie A, B e Assocalciatori sono ancora nel limbo. E Lotito, in funzione della sua presenza in almeno due dei tre enti su citati, starebbe studiando con i cuoi colleghi presidenti la possibilità di proporre un candidato della Lega di A.

Comunque vada, ci sarà bisogno di cambiamenti, dalla giustizia sportiva alle riforme dei campionati. Gravina ha intenzione di ridiscutere il discorso ammissioni ai campionati, rivedendo la questione fidejussioni e i regolamenti sui ricorsi per chi non ha requisiti atti all’iscrizione. La Serie B dovrà stabilmente passare a 20 squadre, la massima serie tornare a 18. E poi il progetto del ritorno al semiprofessionismo per la Serie C, oltre a un necessario rilancio delle nazionali, dei settori giovanili, delle infrastrutture. La campagna elettorale Figc è iniziata…

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News