Connect with us

News

Colantuono recrimina: “Arruffoni a tratti, ma gol Vuletich era buono. Di Gennaro va aspettato”

Un punto in due gare, ma soprattutto una squadra senza una precisa identità tattica e la sensazione, a tratti frustrante, di poter disporre di un potenziale ancora quasi completamente inespresso. Ed all’orizzonte c’è il Verona, non propriamente l’avversario più agevole per consentire alla Salernitana di uscire dalla mini-crisi. “Stasera c’è stata un po’ di stanchezza – ha esordito Colantuono in sala stampa – Arrivavamo dal derby mentre l’Ascoli era più fresco avendo riposato. Mi aspettavo il calo anche se il turnover era stato fatto per questo. Non abbiamo applicato quello provato, ci siamo intestarditi sulla palla lunga per Djuric ma questa è un’eccezione e non deve diventare la regola. È una soluzione che va utilizzata, ma sicuramente non deve essere questo il nostro gioco. È accaduto per frenesia, volevamo pareggiarla perché dopo sette minuti eravamo già sotto. Dobbiamo toglierci dalla testa questa palla lunga, non proviamo neanche in allenamento ma ci esce così spontanea ed assolutamente non va bene. La partita diventa arruffona, ma le situazioni sono state create. Il gol di Vuletich era buono, gli episodi fanno la differenza”. 

Sulle scelte di formazione: “Il turnover è un problema storico. Se non lo fai giocano sempre gli stessi, al contrario è meglio non farlo. Se hai una rosa di 25-26 calciatori li devi sfruttare tutti, voglio tutti al centro del progetto. Volevo far crescere la qualità del gioco, Mazzarani e Di Gennaro erano in campo per questo. L’Ascoli giocava col 4-3-1-2 e ci siamo messi a specchio, avevamo provato questo modulo: lo possiamo fare e lo rifaremo. Oggi non abbiamo corso pericoli dopo il gol, dobbiamo migliorare in situazioni di fraseggio.
I movimenti sono stati studiati, ogni tanto ci dovevamo aprire ed andare in fascia. Dopo sette minuti siamo andati sotto e loro si sono chiusi. Le caratteristiche dei nostri attaccanti erano adatte ai cross e ad attaccare la porta, naturalmente perdi qualcosa nel palleggio. Se riesci ad andare sul fondo diventi pericolosi”.

Colantuono chiarisce il cambio di Di Gennaro: “E’ uscito per un problema al flessore. Ha giocato poco nell’ultimo anno e ha bisogno di campo e minuti sulle gambe. Con lui bisogna avere pazienza, è normale che se fa fatica e chi entra fa meglio si nota la differenza, però quando è entrato a Benevento ha fatto bene. Dobbiamo avere calma e aspettarlo. L’ho alzato perché loro avevano Ninkovic sulla trequarti e Di Tacchio serviva lì per arginare gli spazi. Mazzarani ha giocato perché volevo qualità, ma se dopo sette minuti vai sotto la gara diventa particolare. Il primo tempo è stato molto condizionato a livello psicologico dallo 0-1, volevamo riacquistare fiducia ed invece abbiamo subito e non siamo riusciti a riorganizzarci. Il campionato è questo, è molto difficile, l’Ascoli non è venuto qui in gita. C’è grande equilibrio, sugli altri campi sono usciti risultati strani come la vittoria del Carpi. Vogliamo trovare una quadratura, nonostante tutto la partita l’abbiamo pareggiata. C’è da lavorare, è impossibile dopo 5 giornate trovare la quadra”.

Attaccanti ancora a secco: “Oggi c’è stata un’occasione importante per Djuric, gli attaccanti a volte devono solo sbloccarsi. Jallow nella partita con il Padova li ha fatti lui i gol, non c’è sul tabellino però per me si. Djuric gli serve il gol per un discorso di morale e fiducia, però c’è andato vicino”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News