Connect with us

News

Castori carico: “Ma quale gestione? A Reggio sarà dura, coi migliori per far risultato”

“Dobbiamo essere pronti a fare la nostra partita contro un avversario in gran forma, siamo concentrati solo su questo”. I veleni dell’andata non si sono ancora dissolti (clicca qui per leggere le parole del presidente reggiano, Salerno) su sponda emiliana, ma Fabrizio Castori mette tutti in guardia: “Non mi interessano le dichiarazioni del presidente avversario, non è roba di campo. La partita presenta difficoltà, affrontiamo una squadra che nelle ultime 6 giornate ha fatto 4 vittorie. A gennaio ha fatto anche un mercato importante, con Laribi, Siligardi, Del Pinto, lo stesso Ardemagni, ha migliorato la qualità della formazione”.

Certamente dal punto di vista nervoso sarà un match molto particolare, mettiamola così. La combattiva Salernitana del trainer marchigiano ha già dimostrato di trovarsi a proprio agio quando c’è da lottare. Un motivo in più sarà farlo anche per Patryk Dziczek. “In settimana abbiamo avuto da pensare a cose ben più serie di una partita non giocata all’andata, la squadra ha avuto un segnale importante di grande sollievo aver rivisto Patryk sorridente. – ha aggiunto Castori – Non mi piace ricavare una motivazione da quella che poteva essere un incidente, abbiamo avuto questa parentesi che poteva essere drammatica e non si è verificato, dunque siamo molto contenti che Dziczek sia tornato fra noi, anche se dovrà superare un momento difficile per lui”.

Poco turnover per i granata. Mantovani out per problemi muscolari, potrebbe giocare uno tra Veseli e Bogdan dall’inizio. I diffidati Tutino, Djuric e Coulibaly saranno titolari: “La prima preoccupazione è mandare in campo la migliore squadra possibile per fare risultato, se andiamo in gestione non facciamo niente, poi affronteremo eventualmente le situazioni se si verificheranno. Se non fai risultato, gli altri discorsi passano in secondo piano e lasciano il tempo che trovano. Già la partita è di suo difficile, non puoi giocarla pensando alla successiva. Ci alleniamo bene in settimana per produrre il massimo, poi la consapevolezza viene in maniera naturale: il risultato di Ascoli ci dà umore ma anche forza”. Al Del Duca i granata hanno avuto l’atteggiamento giusto e mostrato anche una buona condizione atletica. “Dopo i bianconeri, affrontiamo un’altra squadra che facendo un campionato da vertice dopo il mercato di gennaio, non bisogna lasciarsi ingannare dalla classifica generale: i nostri avversari hanno una squadra più forte di quella che avevano all’andata. – ancora Castori – Da parte nostra mi aspetto una crescita, però bisogna sempre fare i conti con l’oste, bisogna vedere che ritmi riesce a tenere in gara. Quando ci sono tante partite ravvicinate è difficile fare paragoni con l’avversario, dipende molto da noi se riusciremo a ripetere l’intensità di Ascoli, dove ho visto una squadra in forma che mi ha soddisfatto. Mi aspetto conferme anche se abbiamo qualche assente: non cerco alibi come sempre, sono coerente e non piango, fiducioso che le assenze possono essere chances per gli altri”.

Il bomber è indiscutibilmente Tutino, ma il tecnico frena i facili entusiasmi: “Non mi piace fare tante celebrazioni, sono premature con 14 partite ancora da giocare. Certo, siamo contenti della sua crescita ma deve confermare questo trend da qui alla fine, solo così potrà ambire a traguardi importanti. Per ora, questo suo miglioramento è evidente ma ha margini per fare ancora meglio, non ci si può accontentare, anche noi dobbiamo cercare di fargli tirare fuori quello che non ha ancora dato”. Infine, il self control sul Chievo e i dossier arbitrali: “Non voglio scatenare polemiche senza fine, preferisco soprassedere. No comment. Con l’età divento più diplomatico… ma fino a un certo punto”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News