Connect with us

News

Bertolini, vice Zanetti: “Dubbi sul primo gol di Anderson. Noi? Puniti dagli errori che abbiamo commesso”

Non brilla sulla panchina del Venezia il vice di Zanetti, Alberto Bertolini, che ha dovuto tenere le redini della squadra per i 90 minuti contro la Salernitana. Zanetti da squalificato ha provato a dirigere i suoi dall’alto della tribuna, comandando cambi e azioni. Bertolini, al triplice fischio finale ha rilasciato le sue dichiarazioni, riprese dai colleghi di Trivenetogoal: “E’ stato un esordio difficile, una partita sporca. Nel primo tempo abbiamo fatto fatica nel giro palla e non siamo stati bravi nei due gol. Siamo stati puniti forse oltremisura per quello che abbiamo mostrato. Almeno un pari avremmo potuto portarlo a casa. Nonostante avessimo tanta gente fresca abbiamo faticato – ha dichiarato il numero due della panchina lagunare – siamo stati puniti su due errori. La Salernitana è stata molto cinica, noi poco precisi. Fra primo e secondo tempo abbiamo cambiato dal punto di vista tattica, abbiamo creato tanto con 18 tiri a 4, ma non siamo stati bravi a finalizzare”.

Non manca da parte di Bertolini qualche polemica sul primo gol di Andrè Anderson, che secondo il tecnico rimane un punto interrogativo: “Sul primo gol c’è un fuorigioco più che dubbio, gli episodi hanno girato tutti a favore della Salernitana. Penso che non si possa dire nulla alla resilienza e alla volontà manifestata fino in fondo di portare a casa un risultato positivo. Nel secondo tempo abbiamo spinto, abbiamo accorciato troppo tardi. Adesso aspettiamo il Chievo, che ha riposato, sarà un’altra partita molto difficile”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News